Il futuro dell'euro e dell'Unione Europea; la lezione greca

17 luglio 2015michele boldrin e brighella

Considerazioni, in forma di dialogo, sulle questioni di fondo che l'eterna "crisi greca" sembra sollevare alla luce dell'accordo di lunedì mattina. Son lunghe e forse più convergenti di quanto potrebbe divertire il lettore ma, a nostro avviso, queste sono, sino a ora, le lezioni da apprendere.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Giornate nFA 2015: le slides

4 luglio 2015redattori noiseFromAmeriKa

Ecco le slides usate nelle varie sessioni che si sono svolte a Villa La Fonte, Fiesole, il 13 e 14 giugno scorsi.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

PMI: non bastano le intenzioni

1 luglio 2015Vitalba Azzollini

Gli interventi normativi effettuati negli ultimi anni per favorire le piccole e medie imprese non sembrano sortire buoni risultati. La spiegazione sta nel fatto che legislatore non utilizza gli strumenti previsti per misurare l'impatto sulle PMI dei provvedimenti da adottare e per verificare, dopo l'adozione, che siano stati ottenuti gli effetti previsti. Di conseguenza, continuano a stratificarsi regolazioni inadeguate, che non agevolano l'iniziativa economica privata.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

La Grecia e l'architettura degli organismi internazionali

11 giugno 2015alberto bisin e brighella

Una crisi di liquidità della Grecia  potrebbe scoppiare da un momento all'altro: senza un rinnovo dei prestiti non sarà facile pagare pensioni e salari dei dipendenti pubblici. Ma come siamo arrivati a questa situazione? Se si tratta solo di un problema di liquidità non dovrebbe esso essere di facile soluzione attraverso nuovi prestiti? Senza una soluzione il governo greco apparirà sempre meno credibile e il Fondo e gli altri creditori sempre più crudeli agli occhi degli osservatori esterni e anche a quelli di coloro che partecipano alla negoziazione. 

A prescindere da come andrà la questione, nei prossimi giorni e soprattutto nei prossimi mesi, una volta risolta (si spera) l'emergenza, bisognerà mettere mano all'architettura istituzionale dei rapporti tra paesi sovrani debitori e organismi internazionali. È chiaro ai più che il sistema non funziona, che ha problemi sostanziali e per giunta sistematici. Alla base vi è una questione di mancanza di chiarezza in questi rapporti. Elaboriamo. 

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Analisi brutale delle regionali 2015.

2 giugno 2015michele boldrin

I lettori perdoneranno l'informale brutalità di questo articolo. Ma i tempi, da un lato, e la triste materia, dall'altro, non permettono di meglio. Nonostante tutto, spero possa essere utile a quei pochi che, con un residuo di triste speranza, pensano non impossibile che il declino possa essere un giorno fermato, se non invertito. Vista la data, lasciatemi sussurrare: viva l'Italia ...

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Il Papa e Mussolini

28 maggio 2015andrea moro

Agli appassionati di storia recente, consiglio vivamente questo racconto appassionante dei rapporti fra Vaticano e regime fascista, recente vincitore del Pulitzer, uno dei premi letterari americani più prestigiosi. Il libro riassume e rende accessibile al grande pubblico una quantità enorme di documenti, fatti ed informazioni ottenute dall'apertura degli archivi segreti vaticani sul papato di Pio XI (nel 2006). Dettagli storici che vale la pena conoscere, perché con buona probabilità cambieranno la percezione della nostra storia recente.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Pensioni, il solito pastrocchio all'italiana

25 maggio 2015Costantino De Blasi

Ancora sulla sentenza della Consulta

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

John Nash, 1928-2015

24 maggio 2015andrea moro

È mancato ieri a 86 anni, assieme alla moglie, a causa di un incidente stradale in taxi sulla New Jersey Turnpike, John Nash, matematico autore di alcuni lavori che hanno cambiato la scienza economica.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Letture per il fine settimana 23-5-2015

Il segreto dell'acqua

21 maggio 2015marco esposito

Nel 2011 un referendum popolare (da qualcuno definito più che altro populista) abrogava due parti della L.152/2006, cd. “Decreto Ronchi”: (1) l'obbligo di gara per l'affidamento del Servizio Idrico Integrato (gara che escludeva i soggetti pubblici) e (2) la remunerazione del capitale investito per i soggetti affidatari, che per effetto di varie leggi combinate fra loro risultava essere il 7% nel 2011 (tasso di riferimento tuttora soggetto a semplice delibera del Ministro dell'Industria e delle Attività Produttive).

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »
PAGINE