Parliamo anche d'altro, qualche volta.

19 maggio 2006michele boldrin

Visto l'andazzo delle cose italiane, dal calcio alla politica, forse vale la pena ampliare gli orizzonti e guardare altrove. Cose interessanti accadono nel mondo, ecco qui un breve elenco. Ovviamente, non facendo io eccezione alla pratica italiota del predicare bene e razzolare male, i miei prossimi due o tre pezzi saranno tutti su cose italiane!

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

I primi effetti di NfA?

18 maggio 2006redattori noiseFromAmeriKa

Cominciano a capire di aver bisogno di noi:

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

La collusione delle ricariche

16 maggio 2006andrea moro

L'intera blogosfera italiana sta propagando un'iniziativa che ritengo meritevole di segnalazione, la petizione per l'abolizione dei costi delle ricariche cellulari richiesta alla Commissione Europea da Andrea d'Ambra, un privato cittadino. Tutti sanno che le schede pre-pagate in italia costano 5 euro, oltre al costo del "traffico". Meno persone sanno che questa politica di prezzo e' praticata solo dalle compagnie telefoniche italiane. Gli operatori sostengono che i 5 euro vanno a coprire i costi di effettuare la ricarica. Tuttavia, nell'era di internet, di pagamenti telematici e cosi' via e' difficile pensare che il costo di produrre un pagamento, di trasmettere un codice di convalida e salvarlo in un database (in una procudura sicuramente automatizzata) sia superiore a pochi centesimi. Come mai nessun operatore offre le ricariche a 4 euro? La tassa sulla ricarica quindi puzza di pratica collusiva. In questo sito siamo particolarmente sensibili nei confronti di questi comportamenti. Mi sono sempre chiesto cosa aspettasse l'authority antitrust ad intervenire. Ben venga dunque questa iniziativa dal basso, e speriamo porti frutto!

19/5: a furor di popolo cambio a malavoglia il plurale "euri" in "euro"; alle loro menti raffinate suona male.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Microfoundations III: Nessuna rilevanza penale.

16 maggio 2006michele boldrin

Vado lento in questi giorni, troppe cose seriose da scrivere. Ma questa non me la posso perdere

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Il magistrato vanesio crea giustizia

15 maggio 2006alberto bisin

La competizione tra le procure, gli incentivi ai magistrati a farsi conoscere sui giornali, in televisione e via discorrendo sta distruggendo il sistema giudiziario!? Cosi' si dice.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Economisti Interisti

Severgnini insegna che gli interisti sono buoni e belli. Non potremmo essere piu' d'accordo.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Il precariato, i lavoratori coordinati, e il Delirio dirigista

12 maggio 2006giorgio topa

Come gia' menzionato altrove in questo sito, una delle proposte riportate dalla voce.info e' quella di Pallini e Leonardi. Tale proposta, in sostanza, mira ad abrogare in modo quasi totale i contratti a tempo determinato e ad estendere le rigidita' attuali del contratto a tempo indeterminato ad altre categorie di lavoratori. Se lo scopo e' quello di ingessare ulteriormente il mercato del lavoro italiano, direi che la proposta va nella direzione giusta. Complimenti!

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Contratti di lavoro temporaneo: critica alla proposta di Ichino

11 maggio 2006andrea moro

Il Corriere questa settimana ha dato risalto alle proposte della voce.info sulla riforma del mercato del lavoro. Voci di corridoio nel ristretto ambiente degli economisti accademici danno gli economisti della voce come futuri consiglieri economici del costituendo governo Prodi. Le loro proposte vanno quindi lette con attenzione. Va detto subito che le tre proposte, di Boeri e Garibaldi, di Massimo Pallini e Marco Leonardi, e di Andrea Ichino, vanno nella direzione giusta e sono un sicuro miglioramento rispetto alla situazione attuale, che e' pessima. Allo stesso tempo pero' si caratterizzano per quello che non chiedono. Il futuro governo si trovera' nella condizione di dover contrattare con le parti sociali le riforme del mercato del lavoro, e non son sicuro che il compito degli economisti sia quello di cercare da subito una possibile mediazione; al contrario, credo spetti agli economisti dire con chiarezza perche' e' giusto liberalizzare il mercato del lavoro, come lo si deve fare, e quali sono i costi di eventuali compromessi. In questo primo articolo mi soffermo sulla proposta di Ichino, che si concentra sul problema della precarieta' nel mercato del lavoro, e cerca delle soluzioni per ridurla.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Da via Paolo Fabbri al Quirinale

9 maggio 2006andrea moro

Congratulazioni a Francesco Guccini, ispiratore di questa sezione del sito, per il voto ricevuto Lunedi' alla prima seduta per l'elezione del Presidente della Repubblica, come riportato dai giornali (anche se nei verbali questi voti vengono conteggiati come "dispersi"). Con i nomi che girano l'idea non era nemmeno malvagia.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »

Bisturi, Provette e Valigie di Cartone: l'immigrazione negli USA

4 maggio 2006giorgio topa

Negli ultimi mesi il dibattito sull’immigrazione negli USA si è fatto, a dir poco, arroventato. Oggetto del contendere è una serie di proposte per riformare le leggi sull’immigrazione che, se da un lato intende rafforzare i controlli alle frontiere, dall’altro mira a legalizzare gli immigrati clandestini attualmente su suolo americano, ad istituire un 'guest worker program' per lavoratori temporanei, e ad aumentare le quote di visti per residenza permanente (le famose green cards). Questo dibattito può forse essere istruttivo anche nel contesto italiano.

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO »
PAGINE