I laici del PdL

26 novembre 2009 sabino patruno

Provano a battere un colpo

I giornali hanno infatti riportato la notizia di tre progetti di legge, presentati in Senato dalla corrente "laico-finiana" del partito al governo e relativi a questioni di diritto più volte dibattute, vale a dire la tutela delle coppie di fatto - anche omosessuali - e la velocizzazione dei divorzi.

I disegni di legge, che portano la firma della senatrice Maria Ida Germontani, per anni responsabile per le Pari opportunità in Alleanza nazionale e dei colleghi Salvo Fleres e Bruno Alicata, rappresentano un tentativo, tra le file della maggioranza, di riportare al centro del dibattito politico temi controversi che gli ultimi mesi hanno lasciato in disparte. Vediamo di cosa si tratta.

- La prima proposta riguarda la modifica dell'articolo 29 della Costituzione, che disciplina il matrimonio e che nel suo testo attuale, così dispone

«La Repubblica riconosce e tutela i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio».

Secondo la proposta, all'articolo attuale si aggiungerebbe la specificazione «tra uomo e donna» ed un ulteriore comma per il quale «La Repubblica garantisce i diritti individuali scaturenti dai rapporti di coppia come stabiliti dalla legge». Questo sarebbe dunque il nuovo articolo 29 della Costituzione

La Repubblica riconosce e tutela i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio tra uomo e donna;
La Repubblica garantisce i diritti individuali scaturenti dai rapporti di coppia come stabiliti dalla legge

- La seconda proposta di riforma attiene alla pensione di reversibilità, che oggi compete al coniuge superstite e che, per testamento, potrebbe venire estesa anche al “convivente”, senza specificazione del fatto che questi sia o meno dello stesso sesso, purchè ricorrano determinate condizioni, ossia che la convivenza duri da almeno cinque anni, che vi siano meno di vent’anni di differenza fra i conviventi e che i due non risiedano all'estero da più di cinque anni.

- La terza proposta attiene alle separazioni ed ai divorzi e prevede che per le coppie senza figli minorenni l'intera procedura possa essere svolta non più in Tribunale, ma davanti ad un notaio.

Lo sforzo è stato salutato come un segnale che ""La destra dei diritti esiste" e che non ha paura di misurarsi con questioni che attengono alle libertà civili e di sfidare i tabù dei diritti omosessuali e dei conviventi. Lo sforzo laicista è encomiabile, anche se insufficiente e, comunque, pare che i proponenti siano stati da subito riportati nei ranghi. Le proposte, infatti, dovevano essere presentate in una conferenza stampa il 24 novembre, ma i tre onorevoli hanno disdetto la cosa perchè, come spiega una nota diffusa alle agenzie di stampa

'Abbiamo deciso dopo un incontro con il presidente Gasparri e con il vicepresidente vicario Quagliariello, di annullare la conferenza stampa prevista per oggi alle ore 12 in Senato sulla disciplina dei diritti individuali nelle coppie. Riteniamo infatti che la nostra proposta debba innanzitutto contribuire ad alimentare il dibattito interno al gruppo nella prospettiva di raggiungere una linea comune sui temi della centralita' della famiglia e dei diritti civili''.

I capi del partito, infatti, non hanno preso bene l'iniziativa e così ha bollato la cosa Gaetano Quagliarello in una intervista:

«E evidente che, per avere la possibilità di andare avanti, certe cose devono essere prima discusse all`interno dei gruppi politici che le propongono. Non è che un parlamentare può svegliarsi una mattina, sganciare una bomba atomica e pensare poi anche di poter essere preso in considerazione».

Insomma, per Quagliarello si tratterebbe addirittura di "bombe atomiche", a mio parere, invece, si tratta di proposte tutto sommato conservative e, nonostante l'apparenza, sostanzialmente timide.

Senza voler fare una analisi di quelli che sono solo disegni di legge e quindi poco più che progetti di massima, destinati sicuramente ad essere emendati - se mai approvati - a lasciare maggiormente dubbiosi è la prima delle tre riforme, vale a dire la modifica dell'art. 29 della Costituzione.
La specificazione, infatti, che il matrimonio è solo quello "tra uomo e donna", vuol dire portare, a livello di rango costituzionale, il divieto di matrimoni tra omosessuali, con ciò ponendo l'Italia in posizione nettamente conservatrice rispetto ad altri stati, come la Spagna, il Belgio, la Norvegia, il Canada o il Sud Africa e sbarrando definitivamente la strada al riconoscimento di tale diritto, quando invece, proprio invocando la Costituzione, se ne sta cercando la tutela.

Vero è che si tenta di far entrare dalla finestra ciò che si è cacciato dalla porta. La proposta di riforma dell'art. 29, infatti, prevede anche che la Repubblica debba garantire i diritti individuali scaturenti dal rapporto di coppia. Si tratta però di una terminologia ambigua e scarsamente tecnica, dato che, in primo luogo, è poco chiaro cosa e quali dovrebbero essere i "rapporti di coppia" e, poi, non si specifica che, qualsiasi cosa essi siano, tali sarebbero anche quelli tra omosessuali. In definitiva, si riproporrebbero nuovamente i dubbi in merito a tale tipo di unione, con l'aggravante che la modifica del primo comma dell'art. 29 avrebbe definitivamente bandito ogni possibilità di matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Delle altre due proposte, la seconda attiene alla pensione di reversibilità, che diventerebbe una sorta di bene ereditario che, a determinate condizioni, potrebbe essere lasciato anche al convivente. Ancora una volta, se è encomiabile lo sforzo, non pare adeguato il risultato. Si lasciano infatti troppi elementi nel vago - come per esempio la prova della convivenza da oltre i cinque anni - e ci si chiede se, piuttosto che limitarsi a tutelare un elemento tutto sommato marginale, come la pensione di reversibilità (con oneri oltretutto sui bilanci dell'INPS), non sarebbe stato il caso di pensare, se proprio ritenuta necessaria la disciplina delle convivenze extra-matrimoniali, ad un quadro più ampio di diritti e di doveri reciproci tra i conviventi, ammesso e non concesso, ovviamente, che tale disciplina sia utile o auspicabile. Della terza delle riforme proposte, ossia la semplificazione delle procedure di separazione, attraverso l'affidamento ai notai, se ne era parlato già su nFA e su questa proposta è il caso di sospendere il giudizio, perchè il diavolo si nasconde notoriamente nei dettagli e la materia è alquanto complessa.

Insomma, la destra (o almeno una parte di essa) ha provato a dire qualcosa di laico, lo ha fatto con voce timida che, per il momento è stata anche messa a tacere, vedremo, nei prossimi mesi, come evolverà la questione e se la voce guadagnerà in coraggio.

28 commenti (espandi tutti)

I laici del PdL

Michele 26/11/2009 - 20:48

Sabino, non mi sembra che ci sia un progetto laico. Tutto procede molto alla rinfusa, il PDL non ha una linea condivisa sul tema dei diritti, ma sa bene che vuole tenersi buona la Chiesa:

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200911articoli/4976...

Re: I laici del PdL

dd 26/11/2009 - 21:15

insomma poche idee ma confuse.

La confusione delle idee è confermata, a mio avviso, dal fatto che cerchino di riproporre l'approccio delle "coppie di fatto". Si tratta di una soluzione vigliacca del problema che non si osa nominare, ossia quello degli omosessuali. La vigliaccheria è condivisa, peraltro, anche dalla sinistra.

Mi spiego.

 

Legiferare sulle unioni di fatto è una contraddizione in termini. Due persone si sposano e ottengono certi benefici economici a fronte di certi impegni (ad esempio, pagare gli alimenti nel caso di divorzio). Invece qui si propone di dire che due persone possono anche non sposarsi, non prendere nessun impegno, ma avere lo stesso i benefici (magari in misura minore, ma sempre benefici). Ma allora quegli altri, quelli che si sposano, sono scemi o autolesionisti?

Non parliamo neanche dell'idea di passare la pensione a chiunque si dichiari convivente del caro estinto… sarebbe l'armagheddon del sistema pensionistico, immagino.

Invece, il verbo problema non sono affatto coppie non sposate ma conviventi (hanno fatto questa scelta consapevolmente), ma sono gli omosessuali che non possono fare né l'uno né l'altro. Ma legiferare apertamente a favore dei "culattoni" non è realistico nel PDL, questo è chiaro.

Io non ho un'opinione definitiva sul problema delle coppie omosessuali e del matrimonio omosessuale, e anzi ho delle forti riserve su alcuni aspetti. Però ho la sensazione che tutta sta storia delle coppie di fatto sia un gigantesco inganno e ipocrisia.

 

La vigliaccheria è condivisa, peraltro, anche dalla sinistra.

Assolutamente d'accordo. Quello che mi fa piu' paura di questo provvedimento pero' e' il fatto che si voglia ricorrere alla modifica costituzionale.

Sono d'accordo sul fatto che la tutela delle coppia di fatto sia una ipocrisia per cercare di dare diritti alle coppie omosessuali.

Se si vogliono avere diritti (nonchè doveri) la via c'è già ed è quella matrimoniale

Tuttavia, se questo è vero in via di principio, è altrettanto vero che non sempre la strada matrimoniale è possibile per una coppia di fatto.

Pensiamo per esempio ad una persone separata in attesa di divorzio, che magari ha una causa che si sta trascinando in Tribunale per l'ostruzionismo dell'altro coniuge e però nel frattempo convive con un'altra persona con la quale magari ha anche avuto un figlio: ebbene, per la legge questi conviventi sono due estranei e non hanno nessun diritto reciproco, mentre, per dirne una,  il conige separato, in caso di decesso, avrebbe anche diritto ad ereditare una quota del patrimonio del suo quasi ex-coniuge.

Insomma, una tutela delle coppie di fatto sarebbe del tutto inutile solo se si modificasse la legge sul divorzio, rendendolo veloce,  se cambiassero le norme in materia di diritti ereditari ed un insieme di altre normative che non vale la pena stare qui ad elencare.

Rebus sic stantibus, una qualche forme di tutela va ipotizzata, ma non certo il semi-matrimonio di cui si è parlato negli anni scorsi.

Per quanto riguarda invece gli omosessuali la via, secondo me, è di concedere loro, puramente e semplicemente, la possibilità di sposarsi, ma su questo rinvio all'altro articolo linkato nel post.

Sono d'accordo ed aggiungo che, in Italia, esistono situazioni in cui, se c'è da pagare, si paga in base al reddito convivente incluso (es tasse universitarie) , se c'è da detrarre si è single (mutuo). Non mi sembra giusto.

Sono d'accordo sul fatto che la tutela delle coppia di fatto sia una ipocrisia per cercare di dare diritti alle coppie omosessuali.

Mi sembra che il messaggio della modifica costituzionale dica "per il momento mettiamo ben chiaro che il matrimonio ve lo scordate. per le unioni di fatto qualcuno (noi o altri) vi fara' una legge".

Mi piacerebbe sapere quale e' la situazione a livello EU pero'. Non intendo dove si possa e dove non si possa sposarsi ma come verranno regolamentati i diritti dei cittadini comunitari. Se io mi sposo con un uomo in belgio e poi vengo a vivere in Italia? Non dovrebbe essere materia comunitaria questa?

 

come verranno regolamentati i diritti dei cittadini comunitari. Se io mi sposo con un uomo in belgio e poi vengo a vivere in Italia?

E' una strada già tentata in passato, ma gli uffici anagrafe dei comuni rifiutano la trascrizione del matrimonio, adducendo la contrarietà a norme  imperative italiane che sono - ancora - prevalenti.

Sul punto io faccio ottimisticamente il tifo per la corte costituzionale.

 

Sul punto io faccio ottimisticamente il tifo per la corte costituzionale.

Bene. Non vedo l'ora. Ci sono problemi come questo che in Italia sembrano insormontabili ma che la legislazione europea risolve benissimo. Secondo me non vale neanche piu' la pena di stare a fare pressioni locali o sul governo italiano. Per quelle cose conviene direttamente sfruttrare loopholes europei e accelerare i processi di omologazione. L'esempio del crocifisso nei luoghi pubblici (al di la' dell'essere una questione poco rilevante) e' un esempio chiaro di un caso.

 

 

Buongiorno. Rispetto all'affermazione:

Se si vogliono avere diritti (nonchè doveri) la via c'è già ed è quella matrimoniale

Non sono del tutto soddisfatto. Mi pare che il contratto matrimoniale come concepito in Italia non dia l'elasticità e la libertà di aggiungere o togliere clausole al fine di renderlo magari più leggero (salvo scegliere la comunità o meno dei beni). Dal mio punto di vista ci vorrebbe anche molta più libertà da questo punto di vista affinché le persone regolamentino le "famiglie" come meglio credono nei diritti e nei doveri. Si potrebbero certo porre dei vincoli onde evitare pericolose asimmetrie se proprio si teme per i diritti di uno dei due coniugi magari oppressi tramite clausole legali accettate con inganni poi difficili da dimostrare... Ma il succo non cambia, la legge italiana impone una sola formula di matrimonio e mi pare inadeguato. O sono male informato?

I laici del PdL

crav 27/11/2009 - 00:25

la questione è seria perchè riguarda diritti importanti, comunque la si pensi.

non capisco perchè durante il governo di centro-sinistra c'è un piccolo tentativo da qualche rappresentante della maggioranza e viceversa quando al governo è il centro-destra (tra l'altro tentativi ipocriti e nati morti o quasi, non ci vedo nulla di laico) invece di un fronte trasversale con richieste precise ed esplicite.

non capisco inoltre perchè i giornali non chiedano ai leader di prendere posizione chiaramente: non so quale sia l'opinione/i pubblica su tali vicende, ma la politica non la sfrutta per ottenere consenso, nè i media cercano di descriverla o manipolarla; si preferisce il silenzio (dove il timido tentativo appare una bomba atomica...).

I laici del PdL

ne'elam 27/11/2009 - 01:43

Sabino tutto giusto però... Però stiamo parlando di una destra che proviene da una tradizione passatista e forcaiola. Mi riferisco a quella componente di AN nel PdL che mostra sensibilità per i temi laici. Quelli che vedo a me sembrano tentativi, timidi quanto si vuole, incerti, confusi, e talvolta anche un pò furbetti, di emanciparsi da una tradizione logora e impresentabile. Su quanto siano sinceri non so, non sono ambienti che frequento e quindi non mi pronuncio. D'altra parte in politica, in questa politica, la sincerità delle intenzioni conta meno di zero. Cercherei di vedere la piccolissima parte piena del bicchiere e non l'altra, desolantemente vuota. Quella riempita, per intenderci, dai vari Cicchitto, Capezzone e Quagliariello ovvero da ex esponenti di forze politiche che si ispiravano a tradizioni laiche socialiste e radicali. In gioventù non avrei mai immaginato che avrei preferito avere degli ex fascisti ripuliti come possibili compagni di strada, tuttavia me ne faccio una ragione e penso che sia saggio incoraggiarli nel loro percorso.

Quella riempita, per intenderci, dai vari Cicchitto, Capezzone e Quagliariello ovvero da ex esponenti di forze politiche che si ispiravano a tradizioni laiche socialiste e radicali.

Ne'elam, capisco tutto a rovescio a causa del tacchino rimastomi sullo stomaco, stai scherzando o hai delle informazioni segrete che noi non abbiamo? Quel "Quella" all'attacco di frase mi confonde ... a quale parte del bicchiere si riferisce?

Coloro che citi sono tre fra i peggiori voltagabbana oscurantisti all'interno del PdL. Veri e propri servi, infidi perdippiù.

La frase di Ne'elam è un po' complessa, ma assegna chiaramente i tre alla parte vuota.

Buona digestione :)

esatto

Michele, prima di tutto buona digestione. Marcello ha bene interpretato una frase che, rileggendola, può effettivamente sviare. A proposito delle informazioni segrete, su parecchie faccende faccio mie le parole di quest'androide :). Su questa in particolare però no. 

Ne'elam il tuo ragionamento è corretto in parte. E' come dire piuttosto che niente meglio piuttosto.

In termini relativi, quindi, il fatto che esponenti politici che provengono da una tradizione non propriamente attenta ai diritti civili (tanto per dirla in maniera sfumata) possano avere posizioni più avanzate rispetto al loro passato è certamente positivo.

Ciò non toglie che si tratta di voce assai timida, probabilmente strumentale alle dinamiche interne del Pdl (leggi lotte Fini-Tremonti/Berlusconi) e che, rispetto alla proposta modifica della costituzione sui matrimoni, di fatto, è un passo indietro.

 

Sabino é vero forse mi accontento di poco. La natura strumentale delle nuove posizioni sospetto giochi un ruolo non secondario e tuttavia mi domando quale elettorato di riferimento abbiano in mente. Non a quello che canta a squarciagola "per fortuna che silvio c'é". Neppure a quello attaccato come una cozza al loro vergognoso passato. Mi sembra cerchino il consenso di quella fetta di elettori che potremmo denominare destra moderna ed europea che comincia a essere stanca di SB della sua maniacale attenzione ai suoi problemi, dell'inquinamento che ha provocato e che continua a provocare. Nell'italia delle camarille e dei microinteressi diffusi e protetti, secondo me, non hanno un gran futuro. Però, come si dice, buona fortuna.

Re(2): I laici del PdL

dd 27/11/2009 - 10:38

destra moderna ed europea che comincia a essere stanca di SB

talmente avanti che se si guarda indietro vede il futuro!

ma per favore...

Re: I laici del PdL

dd 27/11/2009 - 10:22

se cicchitto, capezzone (capezzone!) e quagliarello sono la parte mezza piena del bicchiere è meglio glissare sulle caratteristiche organolettiche del contenuto della stessa...

Mi sembra cerchino il consenso di quella fetta di elettori che potremmo denominare destra moderna ed europea

Spero non sia troppo fuori tema, ma questo commento di ne'elam mi crea un dubbio: in che percentuale il popolo italiano è laico, moderno ed europeo ?

Qui si scrive della componente laica della destra che, minoritaria e timida, batte un colpo. In precedenza il governo di sinistra è stato più sensibile a certi temi, comunque si trattava sempre (IMHO) di ruggiti del coniglio (tanto che sospetto sia sensibilità di facciata). Apparentemente (da riviste, giornali e blog) sembra esserci una dicotomia tra il paese reale (più moderno) ed i suoi rappresentanti (più bigotti). Sto dubitando che sia realmente così. Temo sia, più semplicemente, un caso di maggioranza silenziosa e bigotta. Ovviamente spero (fortemente) che il mio dubbio sia infondato.Qualcuno sa se esistono studi o ricerche a proposito (ad esempio sondaggi)?

ma cosa significa "moderno"? conforme ad un vigente modello culturale di riferimento?

In effetti il termine "moderno" è fuorviante, di per sè significa nulla. In questo caso l'ho inteso nell'accezione di laico e tollerante su questioni relative alle libertà personali (convivenza, eutanasia, controllo delle nascite, aborto, diritti degli omosessuali).

Fuorviante, indeed, perche' almeno per quanto riguarda le questioni morali la destra attuale e', per definizione, il partito conservativo. E' difficile conciliare i due termini ed essere conservativi ma moderni

Non è inconciliabile, proprio perchè "moderno" è un termine fuorviante. Non si è moderni in termini assoluti ma solo in termini relativi (cioè in confronto a qualcosa d'altro ed in particolare a cosa si ritiene antiquato). Quindi può esistere una corrente di Destra più moderna, rispetto ad altre dello stesso schieramento, e comunque conservatrice rispetto alla sinistra.

Si' lo so volevo solo fare un gioco di parole un po' silly.

Mah, sicuramente sbaglierò, ma mi sembra la classica tattica per "sparigliare" il tavolo.

In genere si usano due scartine (senza offesa per i firmatari, che però non mi sembrano di primo livello), si buttano a terra e si vede che succede. Anche il fatto che la proposta interessi una modifica della Costituzione sembra fatta apposta per essere irrealizzabile, non perchè veramente si voglia metter mano alla Costituzione.

Io credo, invece, che siamo appena agli inizi di quello che la politica italiana ama fare: un bel rivolgimento per far finta di cambiare, ma non cambiare niente.

A ne'elam direi che l'analogia con il bicchiere è giusta, ma il bicchiere, per i politici che ha portato ad esempio, andrebbe sostituito con la parola "testa". Anche io le vedo vuote per 3/4...

Curiosità: ci siamo fatti scavalcare dall'Albania:

http://www.polisblog.it/post/5269/albania-legalizzate-le-nozze-gay

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti