Veline al governo

5 aprile 2006 andrea moro
Lunedì, durante l'ultimo dibattito televisivo, Berlusconi ha offerto la prossima vicepresidenza del consiglio ad una donna. Sarebbe facile ironizzare sulla vacuità di questa promessa, innanzitutto perchè si tratta di una carica nemmeno prevista dalla costituzione, ma anche perchè questa poltrona viene di solito viene affidata al leader del maggior partito della coalizione che non riceve la presidenza. E' da dubitare quindi la rilevanza della carica se affidata ad una figura politica secondaria. Dispiace piuttosto che il dibattito sollecitato dalla proposta sottintenda un ruolo ancora marginale delle donne in politica.

La destra ha compiuto scelte coraggiose nel passato. Ha posto una giovane e immatura Pivetti alla presidenza della camera. Perche' non promettere alle donne la Presidenza della repubblica, in scadenza fra poche settimane? Una candidatura femminile non sarebbe nemmeno una novita', visto che nel corso di precedenti investiture circolarono piu' o meno seriamente le candidature di Rosa Russo Jervolino (nel 1999) e di Nilde Iotti (nel 1992 persino prima al settimo scrutinio con 233 voti - fonte: it.wikipedia.org, Elezione Presidente della Repubblica 1992, versione 11:44 - 8/12/2005)

Stupiscono quindi non poco le dichiarazioni di vari esponenti politici. Per la Prestigiacomo la possibilita' e' addirittura "Un sogno". Per la Beccalossi (An), "un'ottima idea". La Mussolini non perde occasione per punzecchiare Fini: visto che non riesce a prendergli il posto di leader dell'estrema destra, si accontenterebbe della sua poltrona governativa.

Ma ad una partecipazione attiva delle donne in politica non ci credono nemmeno le donne stesse. La reazione di Carolina Lussana (deputata della Lega) non lascia dubbi "Berlusconi lo sappia, con me non potrebbe mai rinunciare ai tacchi: lo supero in altezza anche se ho i mocassini". Il corriere online scomoda autorevoli opinionisti, come Iva Zanicchi, che candida la Prestigiacomo, una "Bella donna, [...] ma anche Stefania Craxi e' carina". Apprezziamo l'onestà della ex-cantante, che ci rivela il ruolo (nemmeno tanto nascosto) delle donne al governo nella Repubblica delle Veline.

1 commento (espandi tutti)

Non dimentichiamo Cicciolina, a proposito di scelte coraggiose.

Inizia una nuova discussione

Login o registrati per inviare commenti