Titolo

Le due o tre cose concrete del documento congressuale di Renzi

3 commenti (espandi tutti)

Di seguito, per maggiore comodita', trascrivo alcuni passaggi su taluni dei nodi (cuneo fiscale - taglio serio) e pensioni, uno dei temi prioritari. Almeno un barlume di luce sull'entita' dello shock richiesto/questioni da affrontare...

***

Nel libro sostiene che va abbattuto il costo del lavoro, il governo Letta comincia a farlo con la riduzione del cuneo fiscale e contributivo, e lei lo considera niente?

“E’ nulla, non niente. Avrei fatto un’operazione shock: 15-20 miliardi di privatizzazione per ridurre le tasse”.

Ma non si può fare. Quello che si ricava dalle dismissioni deve andare, secondo le regole europee, alla riduzione del debito.

“Si può negoziare tutto, anche questo”.

Nella sua terapia shock, quale altre medicine sono previste?

“Ci sono 4 blocchi: pensioni, lotta all’evasione fiscale, investimenti, tagli di spese”.

Pensioni: pensa di riaprire il capitolo? Un’altra riforma dopo quella della Fornero? Non crede che l’Italia sia stremate da questo cambiamento delle regole pensionistiche?

“No,  va sistemata la questione esodati. poi penso ad un’altra operazione. attualmente lo stato italiano spende 270miliardi l’anno di assegni pensionistici per pensioni maturate con il sistema retributivo. Così quasi 60 miliardi non sono coperti dai contributi versati dai lavoratori. c’è una disparità più profonda con le giovani generazioni che avranno una pensione in base ai contributi versati. a chi ha una pensione retributiva andrebbe chiesto, sopra una certa soglia, un contributo minimo che serva poi  a finanziare quei servizi sociali sui quali stiamo carenti, pensi solo agli asili nido. nascerebbero nuovi lavori e un’occupazione qualificata”.

Ma i pensionati hanno maturato il diritto alla pensione in base alle leggi vigenti all’epoca. La sua proposta assomiglia a un esproprio.

“Ma quale esproprio! erano sbagliate quelle regole nate a cavallo tra la fine degli anni Sessanta e i Settanta. Tuttavia non penso sia un dramma ridurre di qualche centinaia di euro al mese assegni, per esempio , di settemila euro lordi”.

Una....teoria di illusionisti...
Avevo dato una scorsa al volo ai quattro punti programmatici, e alla proposta 'perequativa' sulle pensioni.

Incredibile.