Titolo

Valutazione nella scuola: davvero il governo vuole smontare l'INVALSI?

1 commento (espandi tutti)

Io sono con te su tutta linea e ci tengo a dirlo perchè sono un diplomato del classico e laureato in giurisprudenza che, fino a quando non è entrato nel mondo del lavoro, disprezzava il sapere scientifico... poi mi sono ritrovato a saper fare solo l'avvocato, che in Italia significa essere sostanzialmente un burocrate e mi mangio le mani perchè adesso che sono un po' più grande (ed anche grazie ad NFA devo dire) ho cominciato a sentire la necessità di un approccio al sapere (ed alla vita) più scientifico ed anche perchè se avessi fatto una scelta diversa avrei avuto più possibilità di andare a lavorare fuori.

La cosa bella è che fin tanto che ho frequentato le elementari sembravo predestinato alle scienze ed ero molto bravo, poi alle medie ho trovato una professoressa di matematica un po' anziana e troppo "buona" che intendeva il ruolo di insegnante come quello di nonna... da quel momento non ho praticamente più studiato matematica (tanto nemmeno interrogava nè si accertava che si facessero i compiti per casa) e da li poi la scelta del liceo classico e soprattutto l'idea che si possa vivere di latino e greco ed anzi sia più figo...