Titolo

Cambiamento climatico: un aggiornamento

2 commenti (espandi tutti)

Buongiorno.

Da totale ignorante in biologia, mi ha colpito la considerazione per cui la seconda causa di emissioni determinanti l'effetto serra è il metano.

Un po' ovunque si sta provando ad abbandonare il carbone scrivendo - giustamente - che la sua termovalorizzazione ha impatti devastanti sull'ambiente e la salute della gente. Altrettanto ovunque, tranne che in Italia (ma c'è una cordata pronta a un progetto di mini-rigassificatore in FVG) - penso alla Gran Bretagna - si sta puntando sullo shale gas come alternativa in attesa di diventare indipendenti con la green energy (solare, fotovoltaico, eccetera). Tuttavia non è un rischio enorme che l'Occidente più avanzato passi allo shale gas, mentre ai paesi in via di sviluppo sarà concesso darci dentro col carbone ancora per molto tempo? Potremmo ritrovarci con un decremento sostanziale di emissioni da carbone inferiore all'incremento da metano, per non parlare dei disastri del fracking. Altre soluzioni possibili?

Sul fracking non mi pronuncio. Dal punto di vista di effetto serra, a parita' di energia prodotta, shale gas inquina la meta' rispetto al carbone ma di piu' rispetto ai gas convenzionali. Quindi introducendo shale gas bisogna vedere che uso se ne fa: se viene usato per ridurre coal, tanto meglio; se viene usato in luogo del gas convenzionale, non ci guadagnamo affatto in termini di global warming, anche se costa di meno all'apparenza.

L'altro lato da considerare e' che per comodita', lo shale gas non viene conservato in stocks: quello che avanza viene semplicemente bruciato (Gas flaring) perche' e' ovviamente meglio bruciare metano piuttosto che rilasciarlo dritto in atmosfera. L'alternativa migliore sarebbe interrompere i flussi quando il gas non si usa (di notte) o farne stoccaggio ma costa e quindi le compagnie preferiscono bruciare.

Insomma il problema di fondo dei combustibili fossili e' che il prezzo che l'utente finale paga non e' il prezzo reale: ci sono dei costi nascosti che se non sbaglio voi economisti chiamate externalities (mi corriggerete) e alla fine della fiera sta tutto li il busillis.