Titolo

Cambiamento climatico: un aggiornamento

1 commento (espandi tutti)

Da astronomo mi sembra che l'attività solare sia tenuta ampiamente in cosiderazione nei modelli climatici. Certo, se "ampiamente in considerazione" si intende che l'effetto debba essere quello predominante non può esserla, perché DI FATTO il risultato è che incide relativamente poco. Ma tutti gli effetti legati alla ciclicità solare, all'irradianza totale del Sole, al campo magnetico, ai raggi cosmici sono stati studiati in dettaglio. Si è pure organizzato un esperimento al CERN, per misurare direttamente gli effetti di nucleazione dovuti a particelle cariche (ipotesi di Svensmark), che risultano bassi, in linea con quanto osservato statisticamente in atmosfera.

Forse non è chiaro che alla media dei climatologi farebbe molto piacere trovare che l'effetto del CO2 sul clima è minore di quanto attualmente stimato. Gli scenari IPCC sono ancora sul lato prudente di quanto circola nel settore come ipotesi "worst case", l'ipotesi "non succederà nulla, ci siamo sbagliati" è meno probabile di un'ipotesi di estinzione di massa da rilascio di clatrati, con buona parte della Terra assolutamente invivibile per gli esseri umani. Questi scenari circolano poco perché sono molto incerti, e perché è inutile spaventare con visioni apocalittiche quando lo scenario base lo è già a sufficienza e non fa più della scritta "nuoce gravemente alla salute" sui pacchetti di sigarette, meglio tenersi su quanto è scientificamente inoppugnabile. Ma chi è dentro al problema ha gli incubi la notte, e non in senso figurato, se arrivasse uno a dimostrare che non è vero ci si toglierebbe un incubo di dosso.

Verissimo che non comprendiamo le dinamiche del ciclo solare a sufficienza da fare previsioni sensate oltre il ciclo undecennale. Ma questo non significa che altri lo sappiano fare, perché hanno azzeccato un ciclo. In particolare da un punto di vista fisico gli effetti gravitazionali dei pianeti sono irrilevanti, e i meccanismi proposti fisicamente poco plausibili. Comuque di fatto la correlazione tra attività solare e clima non si vede, se non "masaggiando" talmente i dati da rednerli irriconoscibili.

Su Scafetta provo a rispondere in dettaglio nel thread apposito. Ma sembra non ci credano più neppure i "negazionisti" più seri, stile Watts.