Titolo

Le quote di Bankitalia: la solita porcata

8 commenti (espandi tutti)

Riforme

Andrea Grenti 31/1/2014 - 19:27

Nel M5S ci sono sicuramente brave persone e pronte a dare il loro appoggio per migliorare le cose in Italia. Questo senza dubbio lo riconosco.
Il problema principale, secondo me, rimane nel fatto che non vedono di buon occhio le riforme liberali e il liberalismo in generale. Spero di sbagliarmi, ma il pensiero economico del Movimento non è troppo dissimile da quello del resto dei partiti. 

Il problema principale, secondo me, rimane nel fatto che non vedono di buon occhio le riforme liberali e il liberalismo in generale. 

Per quello che capisco io, il Sig. Casaleggio si dovrebbe trovare tranquillamente a suo agio con un programma come quello del manifesto di FiD.

Buona parte del programma economico del M5S alle ultime elezioni legislative l'avrebbe potuto scrivere Zingales, tanto è incentrato sull'aspetto pro market vs pro business.

In un certo senso la nascita di FiD ha indebolito le potenzialità liberali del M5S, perchè ha convogliato in un altro alveo quelle persone che lo avrebbero potuto indirizzare in senso liberale.

Faccio un esempio: il gruppo più keynesiano e più anti-Euro che cerca di influenzare il M5S è probabilmente Economia a 5 Stelle (http://www.economia5stelle.it/). Se qualcuno di loro mi legge, spero non si dispiacciano, ma materialmente sono una lobby, che cerca, con discreto successo, di influenzare il M5S così da perseguire quelle politiche che a loro sincero modo di vedere sono le più adatte (non molto diverse da quanto predicano i vari Bagnai, Borghi, Barnard, ..). A me addirittura me li ha fatti scoprire un portavoce del M5S, ma sia chiaro, non ostante il nome, queste persone non sono l'espressione ufficiale del M5S in materia economica, il rapporto è l'opposto, materialmente cercano di imporre le proprie idee. Ovviamente se qualcuno avesse creato un partito ad hoc per queste idee, probabilmente avrebbe deviato in quel partito parte dell'energia oggi riversata nel tentativo di influenzare il M5S.

Io frequento un paio di Meetup da oltre 7 anni, e mi è capitato diverse volte di vedere avvicinarsi persone più o meno simili al tesserato tipo di FdI, che spesso non rimangono a lungo nel Meetup perché si vedono in minoranza rispetto ad altre correnti di pensiero. Se tutti gli aderenti di FdI si riversassero nei Meetup, e volendo mi pare credibile che la cosa si potrebbe fare in maniera aperta ed ordinata, trovando un accordo con i Sig.ri Grillo e Casaleggio, credo che si dovrebbe riuscire ad influenzare il M5S non solo in senso liberale, ma direi quasi razionale.

P.S.: l'influenza benefica potrebbe essere biunivoca, nel senso che l'insistenza sulla democrazia diretta, e l'approccio fondamentalmente bottom up, sono cose che il M5S fa meglio di FiD. 

perdonami, ma il tuo mi sembra proprio wishful t.

No, è esperienza diretta. Il M5S viene dipinto come se avesse una caratterizzazione antieuro, keynesiano-peronista perché una delle sue minoranza più organizzate e più influenti propone quel genere di idee. Nessuno vieta ad altre minoranze di cercare di influenzare il programma del movimento in altre direzioni. Ripeto, per quanto ne sappia e ne capisca io, a me pare che personalmente al Sig. Casaleggio non dispiacerebbe ci fossero nel M5S più persone con idee affini a quelle proposte dal manifesto di FiD.

al Sig. Casaleggio non dispiacerebbe ci fossero nel M5S più persone con idee affini a quelle proposte dal manifesto di FiD.

bontà sua.

Il M5S viene dipinto come se avesse una caratterizzazione antieuro, keynesiano-peronista perché una delle sue minoranza più organizzate e più influenti propone quel genere di idee.

non scherziamo. i grillini sono antieuro perchè i due capoccia vogliono intercettare il comprensibile desiderio popolare di un capro espiatorio esterno. nessuno "vi dipinge", o saran mica i cattivi giornalisti ad avere il pennello in mano?

i grillini sono antieuro perchè i due capoccia vogliono intercettare il comprensibile desiderio popolare di un capro espiatorio esterno

No, se tu parlassi con degli attivisti o anche soltanto con dei simpatizzanti del M5S, ne troveresti tanti no Euro e tanti pro Euro e tanti che ritengono che l'Euro non sia il problema.

Per fare un esempio Monica Montella:

http://www.monicamontella.it/wordpress/2013/10/18/manipolazione-su-no-euro-ai-danni-del-m5s-ma-i-problemi-dellitalia-sono-altri/

Qua c'é il Sig. Bagnai che afferma che il Sig. Grillo sia "sostanzialmente pro Euro":

http://www.youtube.com/watch?v=VOJ4tYDLwsg

supporto la mozione wishful thinking

Qui il Sig. Casaleggio ad un convegno sulla questione (tra l'altro la sua personale posizione é abbastanza nota):

http://www.youtube.com/watch?v=3GPpU7Q3wgI

Verbatim: "L'altro punto é quello della svalutazione competitiva, che ogni tanto viene tirata in ballo: "usciamo dall'Euro e facciamo la svaluazione competitiva". Ma se noi facciamo la svalutazione competitiva e non risolviamo il problema della burocrazia, della corruzione, dell'efficienza, dopo un po la lira cosa vale? Ammesso che torniamo alla lira. Zero!
Prima noi dobbiamo risolvere i nostri problemi di efficienza, organizzazione e quant'altro,poi, eventualmente, facciamo la svalutazione competitiva. Perché le svalutazioni competitive, vi ricordo alla fine degli anni ’80-’90 che noi non riuscivamo ad andare neanche all’estero, la nostra lira non valeva niente, le vacanze all’estero erano una cosa impossibile, bisogna far sì che il sistema paese diventi competitivo rispetto alle nazioni piú avanzate."