Titolo

Nibor Dooh: prendere ai poveri per dare ai ricchi, ovvero lo strano caso del Dottor INPS.

4 commenti (espandi tutti)

Bloccare l'indicizzazione di TUTTE le pensioni, alte e basse, retributive e contributive e lasciare che una sana inflazione le sfoltisca. Dopo di ciò deliberare una "indennità integrativa speciale" da modulare con cura, per compensare le pensioni troppo basse, e quelle erogate a fronte di carriere molto lunghe e "piatte" (nel qual caso il calcolo con il retributivo ed il contributivo non darebbero risultati troppo diversi). La Corte Costituzionale non dovrebbe obiettare: di solito si attiva solo quando le erogazioni vengono ridotte. Può darsi tuttavia che la misura sia poco incisiva in un periodo di bassa inflazione come quello attuale.

Come alternativa si potrebbero aumentare le aliquote nominali IRPEF, e magari anche IVA, e contestualmente rendere più generose le detrazioni per i lavoratori, tanto dipendenti che autonomi, ed istituire una "no tax area" che protegga i redditi minimi, eventualmente corroborata con la summenzionata "indennità integrativa speciale". Anche in questo caso la Corte Costituzionale dovrebbe lasciarla passare.

Non è il caso di nascoondere le rilevanti difficoltà tecniche e politiche (i pensionati votano).

Non è il caso

perché non proporre anche un limite massimo di età dopo il quale si perde il diritto di voto?

Il voto

marco esposito 13/3/2014 - 11:23

Luciano non lo dire due volte, che io lo penso da anni :). E comunque, se ricordo bene, l'astensionismo è molto alto nelle classi di età più vecchie e più giovani.

invecchierai anche tu, a Dio piacendo.