Titolo

Nibor Dooh: prendere ai poveri per dare ai ricchi, ovvero lo strano caso del Dottor INPS.

1 commento (espandi tutti)

Evidentemente non conosco così bene la Costituzione.

Chissà dove è scritto che la Repubblica garantisce che la vita di ogni cittadino si svolga come l'ha pianificata. 

Anche i baby pensionati ed i super pensionati, probabilmente, ed anche i truffatori, i ladri, i dirigenti pubblici coi piedi sulla scrivania,  normalmente ivi piazzati da qualche parente di partito, e chi si alzano periodicamente lo stipendio da soli

"hanno programmato la loro vita contando su un determinato trattamento".

Piuttosto, nella discussione costituente sulla necessità di un sistema pensionistico, sono state indicate sicuramente le seguenti ragioni:
- evitare che un cittadino sperperi tutto quanto guadagna senza accantonarlo per la vecchiaia;
- evitare che conti solo sul futuro mantenimento da parte dei suoi parenti più giovani;

Ecco, quindi, ciò che la Repubblica ha fatto di incostituzionale. Ha sperperato gli accantonamenti dei suoi cittadini contando sul fatto che sarebbero stati mantenuti dalle generazioni più giovani.
La garanzia dei "programmi di vita" non so che scala di importanza abbia.    Specialmente nel contesto del giudizio morale sulle retribuzioni dirigenziali in questo paese.

Ma la fritatta ormai è fatta.
Ora è necessaria la famosa solidarietà, laddove la Repubblica deve garantire i più importanti tra i diritti inviolabili: vita e salute, che dopo una certa età (soggettiva) sono incompatibili col "lavoro".

Ed anche scoprire i colpevoli.