Titolo

L'ordinanza di affidamento di Berlusconi letta da un comune cittadino

7 commenti (espandi tutti)

10 pagine? più lungo è il papiro e minore è il numero di persone che leggono questa schifezza, come l'hai analizzata tu Andrea fa venire ancora di più l'acido allo stomaco. Proprio un paese dove la fanno franca tutti tranne i ladri di polli.

In casi come questo si tende sempre a contrapporre: "Berlusconi è colpevole (e cerca di farla franca grazie al suo peso politico)" con "la giustizia italiana a bisogno di profonde riforme e Berlusconi è particolamente inviso per ragioni politiche". In realtà le due affermazioni non sono in antitesi tra di loro, anzi potrebbero essere entrambe vere ed antrambe false indipendentemente l'una dall'altra (personalmente le reputo entrambe vere).

Tutta questa premessa per dire che acidità di stomaco pari o superiore verrebbe anche leggendo diverse altre sentenze ed assistendo a diversi altri processi, perchè troppo spesso la fanno franca anche i ladri di polli!

Abbiamo un sistema giuridiziaro e giuridico che avrebbe bisogno di una seria riforma a prescindere dai Berlusconi (anzi per gente come loro sarebbe molto peggio) e sarebbe una gran cosa anche per il rilancio della nostra economia.

L'affermazione "la giustizia italiana a bisogno di profonde riforme e Berlusconi è particolamente inviso per ragioni politiche" è più grave di quanto appaia. Tizio e Caio sono in disputa ed io do ragione a Tizio perché mi ha pagato una mazzetta sono "soltanto" un giudice corrotto. Ma se inquisisco Sempronio non soltanto perché ha commesso qualcosa di male (mentre per esempio mi disinteresso di Mevio che ne ha fatte di peggio) ma anche e soprattutto perché Sempronio è un leader politico a me inviso, ed io voglio metterlo in difficoltà e danneggiarlo politicamente, io sono non solo un disonesto ma anche un eversore, perché cerco di ribaltare la volontà popolare. Ho citato prima il caso De Benedetti e quello della Missione Arcobaleno, potrei aggiungere quello di Callisto Tanzi, amico di Bersani e De Mita (600 ispezioni al gruppo Fininvest Mediaset, nessuna a quello Parmalat -  ne avessero fatte sei ci saremmo risparmiati un buco da 14 miliardi di Euro (mica un paio di mutande verdi) oppure quello del Monte dei Paschi, ancora in corso davanti ai nostri occhi: le indagini su una struttura da 30.000 dipendenti affidate ad una procura di provincia con una mezza dozzina di magistrati = prescrizione sicura. Comprenderete che trovo poco interessanti i peccadillos di SB, di un paio di ordini di grandezza inferiori. Mi interessa molto di più la politica ed i suoi effetti sulla vita di tutti noi: ricordate che il primo governo Berlusconi cadde alla fine del 1994 in seguito ad un patto scellerato fra Bossi e D'Alema mentre stava cercando di riformare le pensioni? Quanto sarebbe stato meglio averle riformate nel 1994 invece che nel 2013? E la sciagurata riforma del Titolo V della Costituzione, approvata nel 2001 da un Governo di sinistra ancora una volta per compiacere la Lega Nord?

 

Scusa ma dove vuoi arrivare? Ad affermare che una magistratura politicizzata e quindi eversiva è più grave di un politico corruttore o a dire che un evasore fiscale corruttore di giudici avrebbe riformato e rilanciato il paese?

Perchè se fosse il primo caso puoi tranquillamente attaccare la magistratura eversiva senza difendere Berlusconi. E' inessenziale alla dimostrazione della tesi, se non controproducente ai fini della stessa.

Berlusconi viveva in casa con il mafioso Mangano, ed ha fondato un partito insieme a dell'Utri che ora è stato arrestato in latitanza per concorso esterno in associazione mafiosa. Cuffaro, Cosentino, ed innumerevoli politici locali legati a Forza Italia e simili (UDC) hanno fatto visita alle patrie galere per vicende di mafia.

Dici che ti interessa la politica ed i suoi effetti sulla vita di tutti noi. Bene, ti piace pagare le tasse per finanziare la spesa pubblica di Sicilia e Calabria, che è oltre il 70% del loro PIL, per mantenere più dipendenti regionali del governo inglese e fornire servizi al livello di paese del terzo mondo?
Non ti piace? Ricordatelo quando vai a votare.

Caro NV, è vero, Al Capone fu condannato per evasione fiscale ma non è per questo che è famoso. Ed il sofismo "Al Capone era un  evasore fiscale => chiunque evade il fisco è un gangster come Al Capone" è falsa non solo e non tanto logicamente, ma anche e soprattutto empiricamente. Eh sì perchè a differnza della Chicago degli anni '30, nella seconda metà del XX secolo e nel XXI i mafiosi le tasse le pagano eccome; lo spiegava già Pino Arlacchi nel 1983 (La Mafia imprenditrice) e per motivi ovvi se solo ci si riflette un poco. Dunque NV, tu sei in boss mafioso, con una fiorente e lucrosa attività per esempio nel traffico all'ingrosso di droga. Gli affari vanno bene, vivi in una grande villa con parco, giri in Ferrari, tua moglie sfoggia dimanti grossi come nocciole; cosa c'è scritto alla voce "professione" sulla tua carta d'identità? "disoccupato/nullatenente"?  Non sembrerebbe un poco strano? No, invece tu ti procuri un'impresa di copertura,  fai in modo che dichiari sostanziosi profitti e ovviamente ci paghi sopra le tasse. "Ma no, Maresciallo, ma cosa va mai a pensare? Io sono un impreditore di successo, questi sono i bilanci della mia azienda, regolarmente depositati e questa è la ricevuta del modulo F24 (non è la versione economica dell'F35) e naturalmente dopo aver lavorato così duramente mi piace anche godermi la vita. Un bicchierino di rosolio Maresciallo? Arrivederci e baciamo le mani". Spero di aver chiarito che l'evasione fiscale e la criminalità organizzata sono due mestieri diversi. Quanto a Mangano, molte aziende impegano ex detenuti che hanno regolarmente scontato la pena, e se con quello avesse fatto qualcosa di men che irreprensibile qualche solerte magistrato lo avrebbe sicuramente scoperto, trattandosi dell'uomo più inquisito del globo. Quanto a Sicilia e Calabria, sono state alternativamente governate dal centrodestra e dalla sinistra, e nè la qualità dei servizi nè il livello della spesa pubblica sono cambiate granchè

Corrado, voglio effettivamente affermare che una magistratura politicizzata che sfrutta la giustizia per fini politici è sicuramente più grave di un comune politico corruttore Non voglio tanto difendere Berlusconi quanto far rilevare che un suo governo sarebbe comunque preferibile a quello della banda PCI-PDS-DS-PD (sono sempre le stesse persone); in verità CHIUNQUE avrebbe fatto meno danni di loro. Non sono deluso da Berlusconi (non mi sono mai illuso su di lui) ma diamine, è stato fatto cadere proprio nelle rare occasioni in cui stava facendo qualcosa di buono!

Pagare le tasse su attività illegali senza farsi scoprire non credo sia esattamente semplice, e comunque chi ha una mentalità criminale è avido, e in genere non commette un solo tipo di reato.

Quanto al Berlusca, non è famoso in quanto evasore (e frodatore) fiscale ma in quanto politico controverso proprio per le sue frequentazioni con mafiosi e favoreggiatori della mafia.

Ovviamente provare in un aula di tribunale che BS abbia commesso reati di concorso esterno in associazione mafiosa è estremamente difficile, ed è giusto che come imputato lui abbia diritto a tutte le garanzie di sorta, ma sul piano politico fare finta di nulla, chiamare "peccadillos" (definizione del suo servo Giuliano Ferrara) una frode fiscale di alcuni milioni di euro (che erano molti di più prima della prescrizione), significa non avere senso di ciò che serve ad uno stato sviluppato per funzionare.

Quanto all'"è stato fatto cadere", BS ha sempre governato con maggioranze schiaccianti. Se non ha mai combinato nulla di buono è stato per la sua incapacità e mancanza di volontà, non certo per il "gombloddo" dei giudici comunisti o della Merkel.