Titolo

Sull'utilità ed il danno dell'istinto in politica

7 commenti (espandi tutti)

Di chi il forum lo ha e lo frequenta!

se Michele Boldrin invece di fare lo gnorri lo avesse usato sarebbe stato tanto di guadagnato. Avrebbe potuto dimostrare si suoi 2500 tesserati di credere al contatto con la base.

potrebbe essere stato il vero mezzo di comunicazione dal basso verso l alto. Inutile incolparne la difficile fruibilita' quella e' una mancanza da poco.

mi pare che nessuno dei membri della direzione o degli autori di comunicati vari abbia mai risposto alle critiche, almeno quando partecipavo al forum. Rimproverare solo Boldrin, oggi, non è elegante.

In rarissime occasioni una signora della DN ha interagito e poi dopo il congresso nazionale uno dei papaveri anche

non mi chiedere nomi perché non li so e se l elegaza si basasse su questo! Stiamo freschi!

"quando partecipavo al forum".

Come già detto da giuliana, qualcuno è intervenuto. Complessivamente hai tuttavia ragione, qui la critica è generale perché in tanti della DN non si sono mai affacciati in quel Forum. Ma non è poi tanto un problema di "rispondere a critiche", perché questo farebbe sembrare il luogo una sorta di tribunale. Il problema è che una comunità in cammino verso la costruzione di una "cosa che non c'è" si fa tante domande ma ha anche tante cose da dire (diverse anche interessanti, anche se come in tutte le comunità poi c'è segnale ma anche tanto rumore) e qui l'assenza di Michele si è notata piu' di altre, dopo che è diventato il Coordinatore Nazionale.

Ha messo di aver

Jo 5/6/2014 - 10:50

Ha ammesso di aver sbagliato...di aver sbagliato a dare ragione agli altri. Mi sembra che il forum sia l'ultimo dei suoi interessi :)

Che fare?

massimo 5/6/2014 - 19:23

Scusate la mia petulanza ma vorrei riflettere sul futuro: alle prossime elezioni europee (ed alle regionali, ed alle politiche etc) Fare si presenterà oppure no? E se la risposta è sì si raccolgono le 150.000 firme oppure si chiede un passaggio ad un gruppo che ha già parlamentari? In questo secondo caso il gruppo/movimento/partito, qualunque esso sia, verosimilmente chiederà di essere lui "l'azionista di maggioranza"; va bene così o no?