Titolo

Come e perchè preoccuparsi della disuguaglianza

3 commenti (espandi tutti)

L'esempio "Il nostro agricoltore di Fresno apprende che il numero di manager di hedge fund che volano in aereo privato è raddoppiato. Subito esce e si compra un fuoristrada che non si può permettere!" è una caricatura di un fenomeno realmente esistente, che però avviene strato per strato: se il famoso 1% usa l'aereo privato, il primo 10% vorrà almeno viaggiare in business class e/o guidare un'auto di lusso; se il primo decile ha due piscine, il secondo decile vorrà averne almeno una; se il quarto decile manda i suoi figli in una scuola medio-alta in un quartiere ricco, il quinto decile sarà tentato di trasferirsi nel quartiere ricco per non mandare i figli in una scuola piena di gente del nono decile... e così via.
http://www.vox.com/2015/1/16/7545509/inequality-waste

Il punto, a mio avviso, non è economico ma politico. Una elevata concentrazione di ricchezza nelle mani di pochi si traduce inevitabilmente in elevata concentrazione di potere cosa che distorce il normale funzionamento di una democrazia

"keeping up with the Joneses" (per quelli che ritengono piu' importante l'invidia)

oppure

"internal habit formation" (per quelli che ritengono piu' importante la noia).

Wasteful? Maybe, maybe not. Who knows?

Durante gli ultimi 25 anni circa, la business class non mi e' mai sembrata uno spreco, anzi. Quelle rare volte che ho messo piede in una vera first class ho trovato anche quella molto utile. Bob Frank, evidentemente, ama viaggiare in coach. Lo dubito, ma contento lui contenti tutti.

Ma gradirei mi lasciasse consumare quel che voglio io, non quello che a lui piace. Tutto il resto e' noia.