Titolo

La prescrizione dei reati in Italia: un'analisi delle problematiche al di là delle polemiche

2 commenti (espandi tutti)

Ho sempre avuto l'impressione che la prescrizione faccia comodo a tutti, in primis, ovviamente, agli imputati e agli avvocati, i primi non pagano il reato, i secondi guadagnano (laute) parcelle.
Ma anche ai giudici fanno comodo, l'indolente dirà "ho troppi processi, non riesco a gestirli", anche se poi sa benissimo che l'80% andrà in prescrizione, quello attivo semplicemente si arrenderà all'evidenza e comincerà a scegliere quelli magari mediaticamente più spendibili, la mela marcia dirà "ti faccio arrivare a prescrizione, ma dammi X,Z,Y".
Per me se ne esce non con l'allungamento della prescrizione (soluzione francamente ridicola), ma con la riforma della carriera dei magistrati (separazione delle carriere), e riforma costituzionale che sancisca la fine dell'automatismo, come giustamente detto da Axel, ma temo che l'attuale situazione faccia molto comodo a tutti.
La terza via sarebbe "colare a picco", ma è la meno desiderabile.

non mi occupo di cause penali, è da vedere se davvero gli avvocati guadagnino "laute parcelle" grazie alla prescrizione: dipende da chi è il loro cliente. Probabilmente gli avvocati del padrone di Eternit le avranno ottenute, ma - mettiamo - il difensore d'ufficio di un fallito assolto per prescrizione dall'accusa di bancarotta fraudolenta. se non s'è fatto pagare in anticipo, rischia di avere lavorato per nulla.