Titolo

Stai pensando di frequentare un PhD in Economia? Cosa fare, cosa aspettarsi

3 commenti (espandi tutti)

Ciao ho letto con molto interesse l'articolo e mi ha spinto a scrivere...

Dopo essermi laureato e aver sempre lavorato da due anni, prima in revisione e ora in consulenza, sento che questa non è la mia strada: non perché non mi trovi bene o no mi riesca bene il lavoro, ma perché mi sembra che l'attività lavorativa sia fine a se stessa e dopo non ti rimane niente in mano... è semplicemente come se avessi venduto il mio tempo a qualcuno...

Così, valutando altre possibilità, sono giunto alla conclusione che dovrei scoprire se forse inconsapevolmente la mia strada era quella del dottorato e io non me ne sono mai accorto.

Leggendo l'articolo ho riscontrato molte delle qualità richieste e degli aspetti chiave stimolanti e vorrei avere un consiglio.

Il problema è che visto il mio profilo penso di essermi ormai giocato le possibilità di accesso. Infatti ho sempre improntato i corsi e lo studio al fine di essere appetibile sul mercato del lavoro e non su quello della ricerca. Non ho il massimo dei voti non perché non mi interessasse la materia ma perché spesso ho pensato di passare oltre sulle materie non direttamente legate ai fini che mi ero proposto e, spesso, mi trovavo a perdere tempo, comprando altri libri, per approfondire un capitolo che aveva attirato la mia attenzione particolrmente. Ora a 27 anni e 28 per quando potrò fare la prossima domanda (settembre 2016) e quindi 3 anni di lavoro in consulenza senza niente che indichi la mia predisposizione all'approfondimento accademico nel mio curriculum vorrei sapere se sono del tutto spacciato oppure se ci sono possibilità per quelli come me.

Un saluto a tutti 

Difficile dire, non sei vecchissimo, ma neanche tanto giovane. In teoria potresti fare domanda quest'autunno, perché aspettare un anno? Un'idea sarebbe quella di  passare quest'anno a fare qualche esame di matematica e/o statistica nell'università locale dimostrando il tuo interesse e le tue capacità. Devi anche trovare qualcuno che ti scriva lettere, possibilmente almeno un economista con un minimo di reputazione scientifica.  Non è impossibile. 

Un'altra strada possibile e' di fare un master in economics prima, dove l'ammissione e' meno selettiva (e dovresti pagartelo da solo) ed usare quello come rampa di lancio per l'ammissione al PhD. E' una strada rischiosa, ma se sei davvero convinto e' un primo passo possibile.