Titolo

Letture per il fine settimana 26-9-2015

2 commenti (espandi tutti)

Fatti

Francesco Forti 28/9/2015 - 22:50

Il minor consumo di carburante (e quindi la minore emssione di CO2) per i diesel è un fatto, non un'ipotesi. Sono passato da un'Audi 100 a benzina (10-11 litri ai 100) ad un Diesel Common Rail (2001, quindi non con questa centralina incriminata) che consuma 5.5 in media su tratti autostradali e misti. La metà. Per dirne una sono andato da Lugano a Faro - Portogallo (5000 km A/R) consumando in media i 5.4 litri ai 100, con 4 persone a bordo, bagagliaio stracolmo, aria condizionata sempre accesa, limiti consentiti, diversi tratti urbani. Anche Lugano - Eindhoven, con il tratto germanico senza limiti ... e ci ho dato dentro ... stessi valori. Se cosi' non fosse, chi lo comprerebbe? Episodi a parte, in quindici anni (è ancora l'ammiraglia di casa) ha fatto centinaia di migliaia di Km sempre sotto osservazione per i consumi, con il classico foglio excel che si compila ad ogni pieno. Il carbonio contenuto in ogni litro è un dato conosciuto. I litri consumati per fare tot km pure. La media decennale è la realtà, molto piu' dei test (pochi minuti sui rulli) ma devo dire non si discosta affatto. Tutti quelli che hanno un diesel prodotto negli ultimi 10-15 anni lo sanno. Lo dicono in giro ed il passaparola funziona.

Certo che c'è qualche cosa che non funziona nei test (piu' sono stringenti, più sono irreali)  ma come dicevo abbiamo la situazione in cui ci sono biscotti (premi) per tutti: consumatori, politici, case automobilistiche.

Si si guardi non nego assolutamente che l' automotive in generale abbia fatto progressi praticamente in ogni aspetto emissioni di Co2 incluse, come fa notare lei abbiamo ridotto i consumi in modo quasi impensabile rispetto a qualche anno fa da quel report pare che ci siano una differenza del 30% tra la richiesta dello standard e l' uso reale che una persona fa del veicolo  sinceramente come fa notare lei 5.4 sono 200 g/km che per un auto del 2001 è eccellente, se non ho capito male lei dice dato che Co2 e consumi vanno di pari passo se ci si discosta del 30% dalla Co2 saranno sballati i consumi anche del 30% quindi i consumatori si muverebbero di conseguenza...  effettivamente non fa una piega.