Titolo

Letture per il fine settimana, 3-10-2015

2 commenti (espandi tutti)

Parleremo sicuramente della campagna presidenziale USA, ma non ho capito in che senso il referendum ''anti-trivelle'' proposto dalle regioni è un segno che l'astensione è un problema per il governo.

Se ho capito bene il referendum è su una norma che permette alle autorità nazionali (il governo) di semplificare e accelerare la concessione di sfruttamento di riserve di idrocarburi (le ''trivelle''), in vari casi superando la possibile opposizione delle autorità locali. Ovvio che i governatori regionali non siano contenti, incide direttamente sulle loro competenze.  Come tutti i referendum, se ammesso dalla Corte Costituzionale si celebrerà e sarà soggetto a quorum. Mi pare quindi che in questo caso l'astensionismo favorisca il governo.

Si scusatemi ho scritto super-velocemente, intendevo dire che queste iniziative se pur apparentemente innocue, rischiano di trasformarsi in qualcosa di molto più complicato(anche se ancora non lo sono) ho paura che sarà abbastanza facile per le autorità locali visto l' argomento fare leva sul bacino di astenuti per bloccare l' attività di governo in modo sostanziale, questo indipendentemente dal fatto che la norma sia buona o cattiva sarebbe un segnale di scarsissima autorevolezza da parte del governo, oggi sono le trivelle ma domani potrà essere qualcos'altro ecc... Cmq corro troppo...