Titolo

Il Nobel Memorial Prize in Economics ad Angus Deaton

1 commento (espandi tutti)

Domande simili a quelle contenute nel primo commento. Tu scrivi:

 

Questo non implica che non vi siano verità economiche, vi sono. [...] Le verità in questione erano "fondative"... e rimane ben poco di fondativo da premiare...
Oggi lavoriamo in quasi tutti i campi su problemi veramente complicati, con scuole di pensiero, di metodo e  di finalità diverse, che competono fra loro usando, spesso, metodi che poco hanno a che fare con l'ideale popperiano della "falsificazione" ... Non esiste nulla di particolarmente dominante dal punto di vista strettamente scientifico, esistono "mode", correnti, fazioni [...]
Dare il premio, quindi, diventa quasi sempre un "beauty contest" che dipende da fattori spesso molto lontani dalla pura "validità scientifica" dei risultati.

Pensi che sia un processo "reversibile" o un trend destinato a durare? Dalla discussione qui sopra mi sembra che Andrea abbia in mente quasi dei "cicli" - periodi in cui domina la "moda" si alternano a quelli in cui predomina la "validita' scientifica".  Tu invece sembri avere una visione piu' pessimistica. Sbaglio?

In altre parole ancora: Rimangono verita' "fondative" da scoprire? Uno spererebbe che dati sempre piu' precisi e disaggregati e l'accumularsi di fatti e teorie possano aprire nuove porte...