Titolo

Lo strano caso dell'abolizione dell'IMU

2 commenti (espandi tutti)

ma dal tuo quadro restano fuori i prelievi giustificati dalla prestazione dei servizi generali, come la difesa, l'ordine pubblico, la giustizia, ecc.che non possono essere remunerati se non da imposte (a meno di privatizzarli ...).

Prima di tutto il tema era la convenienza del trasferimento dell'imposizione dal reddito alla proprietà privata.

La mia risposta era "no".

Nessuno, men che meno io, ha sostenuto che l'imposizione sul reddito (per coprire le spese generali, assistenziali etc) sia sbagliata.

In secundis, ricordo che il concetto di proprietà fondiaria è dissociabile da quello della proprietà privata. Già John Locke, tra i teorizzatori del diritto inalienabile alla proprietà privata, ne escludeva la fondiaria se non giustificata dalla redditività del fondo.

Ecco perché, al contrario della proprietà abitativa, quella fondiaria si presta meglio all'imposizione fiscale che alla tassazione. Proprio perché il diritto al suo godimento esclusivo è giustificato dalla sua redditvità.

Ed ecco perché esistono due diversi catasti, quello "urbano" e quello "terreni".

In questo ambito, il severo approccio Lockiano andrebbe replicato anche per la proprietà demaniale e per la responsabilità personale dei suoi amministratori pubblici.