Titolo

Speriamo che i ricchi diventino ancora più ricchi

2 commenti (espandi tutti)

Ottimo articolo, grazie!

Ecco cosa succede quando un sistema giuridico prevede innanzitutto di difendere il diritto alla sopravvivenza (atto dei diritti inalienabili). Quello italiano, invece, rende al parlamento qualunque arbitrio, il quale infatti pregiudica la sopravvivenza col fisco.

Una precisazione: confondi il termine "detraibili" con "deducibili". E' un ottimo articolo, perciò ti suggerisco di correggerelo.

Suggerirei di dettagliare meglio quelle che definisci "scappatoie fiscali ad hoc" per i super ricchi. Altrimenti, restano una chiacchera.

Un'altra necessità: per quanto concerne il "fisco negativo", non penso si tratti di una aliquota negativa sul reddito come suggerito da Milton Freedman (che licenzierebbe il "reddito di cittadinanza" del M5S). E neanche di una "iniziativa" dell'IRS. Penso si tratti degli aiuti alle famiglie con membri andicappati, originati da leggi specifiche.

Infine: penso che gli stati usufruiscano a loro volta di quote di income tax.

Ultima precisazione che sarebbe necessario aggiungere: il termine "tax" in Inglese significa "imposta", non "tassa" (fee).

 

Ho cambiato detraibili con deducibili come suggerito. Grazie.

Riguardo le scappatoie ci vorrebbe un articolo a parte, ma il link al NYT e' abbastanza per non renderla proprio una chiacchiera.

Sul fisco "negativo", se inendi l'assegno che arriva dall'IRS, non e' un'aliquota negativa ma un sussidio che arriva quando guadagni pochissimo. Non e' un granche', e credo lo mettano per incentivare il lavoro, piuttosto che spendere di piu' in unemployment insurance ecc... Immagino sia cosi' ma di sicuro si trovano dettagli piu' accurati a riguardo.

Si' c'e' anche una income tax statale oltre che federale, ma e' molto meno e varia da stato in stato.