Titolo

Speriamo che i ricchi diventino ancora più ricchi

3 commenti (espandi tutti)

È equivalente, letteralmente identica, ai contributi sociali versati all'INPS. C'entra nulla con le imposte sul reddito e non va aggiunta. Anche perché, se le mettiamo in conto, allora il confronto con l'Italia diventa un bagno di sangue. 

Sono il 6.2% per il datore di lavoro ed altrettanto per il dipendente sino ad un ammontare (di reddito da lavoro) che cambia di anno in anno. Nel 2015 era a 118.500. Altre informazioni qui

Regressività: molto molto debole e dovuta, essenzialmente, al fatto che nei dati le persone con reddito alto vivono di più, quindi si godono le pensioni più a lungo. Ma è una questione complessa e difficilmente dirimibile visto che Social Security è molto generoso con i redditi bassi (quando è ora di calcolare la pensione) e diventa progressivamente meno generoso con quelli alti. La mia opinione, non del tutto campata in aria, è che il sistema pensionistico USA sia ragionevolmente fair e non re-distribuisca se non molto debolmente e solo verso il bottom qaurtile.

Ma non c'entra nulla con le tasse sul reddito. Nulla. 

Sono d'accordo che il confronto sia un bagno di sangue ma perchè escludere le payroll taxes? Per basse che siano gravano sul reddito dell'average Joe di cui si parla nell'articolo, qual'è la differenza che non capisco?
Regards

L'articolo parla di imposte.

Le payrolles sono contributi previdenziali. Non imposte.

Le imposte se le prende il governo per spenderle tutte come gli pare, fino al fondo del barile.

I contributi restano (teoricamente) del cittadino, e gli verranno resi con la pensione.

Il fatto che non sia esattamente così, e che a seconda del rigore del sistema politico/giuridico, tutto ciò possa essere più o meno aggirato e maneggiato dalla finanza creativa dei governi e dagli istituti pensionistici, è un altro discorso.

Il senso dell'articolo è che in un paese in cui viene rispettato il diritto alla sopravvivenza, il governo non può ridurre con imposte quella porzione di reddito necessaria alla sopravvivenza ed alla salute (ed all'istruzione ed altre cose). In Italia no.

In un paese del tipo USA, tale diritto alla salute ed alla sopravvivenza etc è peraltro esteso a coloro che dipendono da quel reddito. In Italia no: conta solo il titolare. E neanche è importante se deve mangiare, abitare e curarsi. 

Questo è il valore dell'articolo. Il suo argomento.

Ma se vuoi parlare d'altro, ovvero dei contributi previdenziali, proponilo per il futuro.