Titolo

Dopo la Gacs arriva Atlante: sulla strategia del governo per far ripartire il sistema bancario italiano

2 commenti (espandi tutti)

Due osservazioni. La Spagna ha potuto sostenere le perdite grazie all'intervento della UE. Da sola temo che avrebbe seguito altre strade. 

L'italia dal 2011 in poi era nelle condizioni di poter intervenire con le modalità usate dalla Germania? ne dubito visto l'alto debito e il loop Stato-banche dovuto alla alta percentuale di debito di Stato detenuto dalle banche. Si doveva intervenire pesantemente prima .

Leggo di leva 1,1 per Atlante. Posta che buona parte dei 5/6 mld di cui dispone sarà utilizzato per gli aumenti di capitale delle due banche venete, come faranno a racimolare la somma necessaria per rilevare gli NPL dal sistema bancario italiano, per giunta ad un prezzo tale da non far emergere ulteriori buchi nei bilanci delle stesse? Recentemente una consulenza indipendente commissionata da BI ha valutato al 22/23% il valore degli NPL delle 4 banche "salvate" a dicembre, ben lontano dai valori che necessari affinchè avvenga la condizione di cui sopra.

Non sarebbe stato meglio un debt for equity? Capisco che sia visto male dal sitema attuale, ma in linea teorica non sarebbe una soluzione migliore o presenterebbe anch'essa problematiche tecniche, al di la della diluizione dei proprietari attuali?

Atlante si presenta debole e a scarsa leva; il montante degli NPL è sproporzionato rispetto agli asset dell'intero sistema bancario; gli obiettivi di raccogliere altri capitali per partecipare agli aumenti di capitale e rilevare le junior a prezzi accettabili sembrano in questo momento incompatibili