Titolo

Dopo la Gacs arriva Atlante: sulla strategia del governo per far ripartire il sistema bancario italiano

2 commenti (espandi tutti)

se ogni banca si fa la sua bad bank, viene meno la possibilità di migliorare il valore complessivo dei NPL in portafoglio, tramite la decorrelazione degli stessi, cioè la composizione con altri crediti presumibilmente con correlazione più bassa.

non credo sia corretta questa critica e quindi è meglio per gli investitori avere due bad bank anziché una.

Il portafoglio complessivo sarebbe composto di due asset, X e Y, in proporzioni fisse che dipendono dalla dimensione relativa definita dal fondo e che non necessariamente sono  quelle che minimizzano il rischio.  Infatti, esisterebbero sicuramente combinazioni alternative di X e Y che danno un  rischio complessivo inferiore. In altre parole, è meglio lasciare all'investitore la scelta di quanto X e quanto Y tenere in portafoglio per minimizzarne il rischio complessivo anziché imporgli una combinazione predeterminata dal fondo. In questo modo, l'investitore sarebbe inoltre libero di modificare nel tempo i pesi relativi in relazione all'evoluzione del rischio delle due bad bank, possibilità preclusa nel caso di un portafoglio fisso. 

è corretto. ma la dura ed urgente necessità è di valorizzare al meglio la gran parte di questi NPL in capo alle banche."organizzare" cioè una vendita secca di stock cercando di avere i prezzi che chissà, nel tempo si potrebbero realizzare con una diluita vendita al dettaglio, in un mercato che forse non c'è neanche.

certo ci sono colpevoli che così vengono premiati, si calcia il barattolo etc, però rimane un urgenza vera. se ciascuna banca passa le proprie sofferenze a un suo veicolo, che prezzo credibile si potrà mai scrivere? si moltiplicherà solo la sfiducia, che ora sarà anche nei confronti della bad bank in house.

io ipotizzavo, alla fine in accordo con le tue osservazioni, che sarebbe stato meglio avere in campo più fondi atlante, cioè abbastanza grossi da poter comprare subito fette rilevanti e decorrelate, da ricomporre e rivendere in un secondo momento;  fondi indipendenti dalle banche stesse e credibilmente in competizione, cioè fondi esteri.

il diavolo! vade retro :-)