Titolo

Autonomia del Veneto entro il 2018

1 commento (espandi tutti)

nel grafico che hai condiviso tu il 16/5 alle 18:55 (ed e' per quello che te l'ho chiesto) il residuo fiscale non previdenziale indica che una differenza tra regioni c'e', anche con il previdenziale a parte. 

Sì, e si notano regioni che contribuiscono molto, ma non ci sono regioni che ricevono molto.

La Liguria da sola equilibria tutto il disavanzo non previdenziale di tutte e 5 le regioni italiane in negativo (FVG, Abruzzo, Calabria, Sicilia e Sardegna).

La Campania si paga tutte le spese pubbliche non previdenziali con le proprie entrate non previdenziali.

La Puglia e la Basilicata addirittura mostrano un residuo non previdenziale positivo: lo stato italiano estrae risorse da Puglia e Basilicata per colmare la voragine nei conti previdenziali.

Passando al pro capite, il disavanzo non previdenziale siciliano praticamente evapora, ed è ampiamente giustificabile ed atteso, tenuto conto delle differenze reddituali con il resto del paese (ed infatti è totalmente assorbito dalla voce assistenza dei CPT).

In queste condizioni è impossibile parlare di convergenza (non ci sono trasferimenti in conto capitale, e non ci sono quasi nemmeno in conto corrente non previdenziale), ed è anche difficile indicare nel malgoverno degli enti locali, che pure ci sarà stato, una delle cause principali del declino italiano.

Quale che sia il contributo al declino dell'inefficienza degli enti locali, è difficile sostenere che tale contributo sia paragonabile agli effetti dello sfacelo dei conti previdenziali, di decenni di malgoverno centrale delle strategie previdenziali (retributivo, prepensionamenti, baby pensioni, ..), e dello squilibrio della struttura demografica.

Caveat: per via di alcune osservazioni sollevate da alcuni commentatori nel corso di precedenti conversazioni sui CPT qui su NfA, io suggerirei di interpretare soltanto come indicazioni qualitative i risultati di operazioni tra voci di spesa e di entrata dei CPT. I CPT sono forse quantitativamente più significativi quando si opera soltanto con le spese, o alternativamente con le entrate, ma non con entrambe nella stessa operazione.