Titolo

Referendum costituzionale: le mie ragioni per votare NO

5 commenti (espandi tutti)

SE il problema fosse quello che dici avrebbe svariate soluzioni molto più semplici (uniformare legge elettorale, eliminare per davvero uno dei rami del parlamento, richiedere fiducia al governo solo nella camera alta, eccetera)

La riforma constituzionale stabilisce la fiducia in una sola camera. L'Italia ha sempre avuto la stessa legge eleattorale nelle due camere con differenze minime. Tecnicamente il Porcellum era lo stesso salco premio nazionale vs regionale

Il fatto che ci siano stati pochi casi di leggi non approvate o distorte in parlamento per le dinamiche di coalizione non dimostra nulla: le leggi nelle coalizioni si concordano prima. E' altamente probabile che un partito coeso con premio di maggioranza avrebbe potuto far approvare leggi coerenti col proprio programma (non dico buone o cattive) che sono state bloccate sul nascere. Casomai il problema è un altro - come dimostra il caso del PD. Il premio di maggioranza, a partito o colazione, crea soggetti politici non coesi al proprio interno.  Il PD è a tutti gli effetti diviso in due (se non tre o quattro) e la minoranza è all'opposizione

Giovanni, il problema e' lo stesso!

Permettimi, al solito, di auto-citarmi citando il blog: nell'articolo sull'Italicum della primavera 2014 che menziono anche in questo, l'osservazione che fai (coalizioni insalata russsa con dentro esattamente le stesse divisioni delle coalizioni di partiti a cui siamo abituati) era una delle osservazioni centrali che avanzavo.

Non c'e' soluzione "formale/legale" a problemi reali. La politica dovrebbe servire a questo, a creare consenso reale, non artificiale, attorno a programmi di governo. 

Non c'e' soluzione "formale/legale" a problemi reali. La politica dovrebbe servire a questo, a creare consenso reale, non artificiale, attorno a programmi di governo.

Purtroppo negli ultimi decenni il consenso si è creato o con il clientelismo sfrenato a spese del bilancio dello stato o  con narrative di  personaggi carismatici che diffondono illusioni (SB, Grillo, Renzi, Salvini).  La prima via non è più percorribile, salvo uscire dall'euro. Fra i personaggi carismatici che diffondono illusioni Renzi è di gran lunga il meno peggio - e infatti è in grave difficoltà perchè la mancata ripresa economica rende meno credibili le sue illusioni.  Date le alternative,  farò di tutto per sostenerlo. Attendo alternative politiche credibili, con nomi e cognomi e gruppi sociali di riferimento

d'accordissimo, ma non è solo questo. E' anche uno che propone e realizza ALCUNE cose buone (ad es. il jobs act), oltre a cose sbagliate (ad es. l'abolizione dell'IMU per le prime case) e a grosse omissioni (ad es. vari tagli della spesa pubblica proposti da Cottarelli e Perotti). E' meglio delle alternative attualmente in campo perché fa più cose utili e meno cose dannose di quelle che farebbero gli altri. Altrimenti non si capirebbe perché sia "di gran lunga il meno peggio", come dice giustamente Federico e come credo pensiamo tutti. Forse vale la pena dirlo esplicitamente.

Nel decidere fra il sì e il no, anche il giudizio su Renzi e le sue alternative ha un peso, per quanto secondario. Per chi è incerto può essere un peso decisivo, per quanto piccolo sia.

forse meglio ripeterlo. Ed in ogni caso, la cosa migliore in assoluto è la legge per le unioni civili. Nessuno ci era mai riuscito, compresi quel genio politico di D'Alema.  

PS non sono mica convinto che tutti qui dentro pensino che MR è il meno peggio. C'é gente che si illude che senza di lui possa essere meglio