Titolo

Referendum costituzionale: le mie ragioni per votare NO

1 commento (espandi tutti)

La riforma costituzionale non è disegnata guardando al bipolarismo, semplicemente elimina la fiducia del senato ed elimina il ruolo legislativo del senato per una miriade di leggi.

L'italicum assegna il 55% della camera al vincitore di un ballottaggio, ma non piu del 55% dunque il partito vincente non puo diventare egemone. Questo viene visto come bipolarismo nel senso che chi vince governa da solo, io non lo vedo come tale perchè comunque all'opposizione non c'è un partito solo principale ma tutte le opposizioni vengono proporzionalmente rappresentate nel restante 45%.

Nei sistemi americano e inglese con maggioritario a turno unico, tutte le opposizioni tranne una o due tendono ad essere schiacciate ovvero sottorappresentate in parlamento, mentre l'italicum non lo fa.

Detto questo ribadisco che l'italicum è una legge ordinaria e la costituzione nuova funzionerebbe anche con una legge proporzionale, salvo il fatto che come nella prima repubblica nella camera occorrerebbe trovare una coalizione di partiti che assommi alla maggioranza assoluta e questa coalizione dovrebbe indicare un unico nome al presidente della repubblica.

Se il bipolarismo (o il fatto che chi vince puo formare un governo da solo) è una cosa che andava bene quarant'anni fa, ma oggi no, dove vogliamo andare? Va a finire che eravamo avantissimo durante la prima repubblica e oggi dovremmo approvare una legge proporzionale con un piccolo sbarramento? Benissimo, si puo fare, con la vecchia e la nuova costituzione, la riforma costituzionale non influisce in questo.