Titolo

Referendum costituzionale: le mie ragioni per votare NO

1 commento (espandi tutti)

Il Referendum ha molte sfaccettature ed implicazioni politiche,in un paese normale si dovrebbe votare solo ragionando sul merito del quesito referendario,ma in Italia cio'non e'possibile, a mio avviso: vanno valutate molte altre cose di contorno, che non sono proprio secondarie! Per esempio, e'interessante cio'che ha detto in proposito Massimo Cacciari che,al di la'delle proprie idee personali sulla sua figura,e'sicuramente un raffinato intellettuale ed uno dei maggiori Filosofi italiani,nonche'un attento osservatore delle cose politiche in Italia; ieri sera,ad Otto e mezzo,lasciandomi di stucco,si e'espresso in questi termini sul Referendum Costituzionale: "Questa Riforma Costituzionale fa skifo,ma la voto lo stesso!" Sembra paradossale di primo acchito,ma poi Cacciari ha spiegato che,nel merito,la boccierebbe,pero',facendo una valutazione allargata,e'meglio votarla perche'considera l'assetto attuale ancora piu'skifoso della Costituzione riformata. E poi teme le ripercussioni internazionali negative,e la definitiva perdita di credibilita'dell'Italia ( all'estero,a torto o a ragione,considerano questa riforma un banco di prova per l'Italia) determinate da una bocciatura del Referendum.
Una breve parentesi sulla morte di Ciampi con riferimento all'interessante post precedente di Noisefromamerika,che ho scoperto da poco,sul Liceo Classico si,Liceo Classico no. Anche su Ciampi sono usciti,sul Corriere della Sera,Sulla Stampa,ed altri giornali,degli articoli che evidenziavano il fatto che l'ex Presidente Ciampi era diventato Governatore della Banca d'Italia provenendo da studi classici: aveva fatto il mitico Liceo Classico,ed era laureato in Lettere classiche,ed in Giurisprudenza,non in Economia. La cosa mi ha sorpreso,e leggendo questi articoli,da ammiratore di Odifreddi( ho diversi suoi libri,da cui ho imparato qualcosa sulla logica)il noto Logico,Matematico,e divulgatore che,per inciso,non ha fatto il classico( ha fatto l'Istituto tecnico per Geometri!), mi sono ricordato che Odifreddi in un suo libro aveva intervistato Ciampi che gli aveva confessato che non era molto ferrato in matematica! Mi chiedo come fa fatto Ciampi ad arrivare ai vertici di una istituzione Economica sapendo poco di matematica ( l'Economia moderna e'molto "matematizzata"!). Credo che,ai tempi d'oggi( parliamo del 1975) una cosa del genere non sarebbe piu'possibile! Magari era preparato in Economia,ma aveva carenze di Matematica se quello che ha scritto Odifreddi e'vero.