Titolo

Referendum costituzionale: le mie ragioni per votare NO

2 commenti (espandi tutti)

Lo stavo scrivendo ad Agosto, poi, come al solito, ho fatto altro.
Il problema è la commistione fra Italicum e Costituzione, e questo è innagabilmente colpa di Renzi, ma la nuova Costituzione non è il superamento del bicameralismo perfetto, quanto il superamento del federalismo imperfetto voluto da D'Alema per cercare di scavare la terra sotto i piedi alla destra nelle elezioni del 2001.
Oggi come oggi quelle paroline del cavolo "legislazione concorrente" ha prodotto il più grande ingorgo mai visto davanti alla Corte Costituzionale, con una incertezza giuridica senza precedenti, oltre che sentenze "fantasiose e interpretative" della Corte che è quais una terza camera, oramai.

Non sarà la migliore delle riforme possibili, ma è un andare avanti per cercare di superare un impasse, l'ingorgo NON E' fra le due camere, ma fra Stato e Regioni, per superarlo si è scelto di sacrificare una Camera, che comunque, già nelle intenzioni dei costituenti del '48, doveva rappresentare le Regioni.

Nel 2001, ma anche nel 2010, Berlusconi ha vinto con maggioranze bulgare, ha fatto danni a iosa, ma non è stato il Trump italiano, o il Putin de noantri, semplicemente fino a quando non si va a toccare la parte che riguarda la magistratura, stranamente, in Italia nessuno si fa male.

Quindi io voto SI', perchè finalmente si supera l'equivoco finto federale all'italiana, con un ritorno all'antico centralismo, certo, ma la possibilità di spesa dei governatori non mi sembra abbia prodoto grandi risultati, anzi in massima parte sono fonte di danni. E no, non commento sul fatto che se non si cede potere impositivo alle Regioni poi queste sono deresponsabilizzate, semplicemente perchè ha ragione da vendere Giovanni federico quando dice che la lotta non è Sud vs. Nord, ma produttori contro parassiti, e anche a livello locale si tassa una bellezza con le tariffe per mantenere i parassiti.

L'Italicum è un aborto concepito da una mente malata di protagonismo (Renzi) che in un delirio di onnipotenza ha pensato di farsi una legge su misura da usare come arma. Il problema è che un'arma può anche essere rivoltata contro di te, e lo sta capendo.

D'accordo

David 21/9/2016 - 07:47

Sono totalmente d'accordo con quanto scritto da Marco Esposito, la riforma del 2001 ha creato un caos istituzionale enorme, oltre ad aver ulteriormente approfondito le differenze regionali. Molto meglio un riaccentramento delle competenze, sperando che la qualità della classe politica vada migliorando in futuro ...