Titolo

Referendum costituzionale: le mie ragioni per votare NO

3 commenti (espandi tutti)

Non c'e' soluzione "formale/legale" a problemi reali. La politica dovrebbe servire a questo, a creare consenso reale, non artificiale, attorno a programmi di governo.

Purtroppo negli ultimi decenni il consenso si è creato o con il clientelismo sfrenato a spese del bilancio dello stato o  con narrative di  personaggi carismatici che diffondono illusioni (SB, Grillo, Renzi, Salvini).  La prima via non è più percorribile, salvo uscire dall'euro. Fra i personaggi carismatici che diffondono illusioni Renzi è di gran lunga il meno peggio - e infatti è in grave difficoltà perchè la mancata ripresa economica rende meno credibili le sue illusioni.  Date le alternative,  farò di tutto per sostenerlo. Attendo alternative politiche credibili, con nomi e cognomi e gruppi sociali di riferimento

d'accordissimo, ma non è solo questo. E' anche uno che propone e realizza ALCUNE cose buone (ad es. il jobs act), oltre a cose sbagliate (ad es. l'abolizione dell'IMU per le prime case) e a grosse omissioni (ad es. vari tagli della spesa pubblica proposti da Cottarelli e Perotti). E' meglio delle alternative attualmente in campo perché fa più cose utili e meno cose dannose di quelle che farebbero gli altri. Altrimenti non si capirebbe perché sia "di gran lunga il meno peggio", come dice giustamente Federico e come credo pensiamo tutti. Forse vale la pena dirlo esplicitamente.

Nel decidere fra il sì e il no, anche il giudizio su Renzi e le sue alternative ha un peso, per quanto secondario. Per chi è incerto può essere un peso decisivo, per quanto piccolo sia.

forse meglio ripeterlo. Ed in ogni caso, la cosa migliore in assoluto è la legge per le unioni civili. Nessuno ci era mai riuscito, compresi quel genio politico di D'Alema.  

PS non sono mica convinto che tutti qui dentro pensino che MR è il meno peggio. C'é gente che si illude che senza di lui possa essere meglio