Titolo

Lettera aperta di solidarietà ai deportati della Cattiva Scuola

1 commento (espandi tutti)

 Si potrebbero semplicemente spostare gli studenti.

Si é sempre fatto anche in Italia.

Alle medie, avevo compagni di 3 comuni (i 2 di Marettimo e quella di Favignana vivevano con parenti o facevano avanti e indietro con l'aliscafo).

Alle superiori, avevo compagni di 8 diversi comuni.

All'universitá di Palermo avevo colleghi di decine di comuni di almeno 5 diverse province.

Al Politecnico di Milano avevo colleghi di quasi tutte le regioni italiane (forse mancava la Val d'Aosta).

In tutti e 4 i casi non ero residente nel comune sede della scuola (mi é capitato solo alle elementari).