Titolo

Lettera aperta di solidarietà ai deportati della Cattiva Scuola

1 commento (espandi tutti)

Scusa, ma se una persona per aderire al piano doveva FARE DOMANDA, perche' dici che e' stato violato il legittimo affidamento?

In pratica, il MIUR ha chiesto ai precari nelle GM o nelle GaE: "volete restare nella condizione in cui siete, o volete avere la possibilita' di essere assunti subito (col rischio di esser mandati fuori regione/provincia)?". Chi non faceva domanda restava dov'era, chi la faceva accettava lo scambio.

I patti mi sembravano chiari, talmente chiari che diversi colleghi nei "piani alti" delle GaE hanno evitato di partecipare al piano (rimandando di qualche anno l'entrata in ruolo) proprio per evitare il rischio-spostamento.. anche se qui al nord le probabilita' di finire fuori provincia erano infime.

Per inciso, quando dici

bastava assegnare i posti nuovi creati dal nulla (l'organico di potenziamento) secondo le regole ordinarie dello scorrimento provinciale. Esauriti i posti in provincia e/o le graduatorie poteva offrire i posti rimasti scoperti per esaurimento graduatorie del nord ai docenti delle graduatorie del sud rimasti senza posto, su base volontaria.

vai molto vicino a quello che e' effettivamente accaduto (con l'eccezione della cosiddetta "fase B".. che era fatta coi piedi, ma che non riguardava i posti di potenziamento): l'unica differenza e' che e' stato richiesto di fare la domanda volontaria prima di cominciare ad assegnare i posti, e non dopo che i posti in provincia/regione erano esauriti.

PS: se, come piu' o meno dici, la molla e' stata il desiderio di non essere "scavalcati", viene da chiedersi se questi insegnanti abbiano superato o meno la puberta'... ma presumo che ci fossero motivi piu' seri.