Titolo

Lettera aperta di solidarietà ai deportati della Cattiva Scuola

1 commento (espandi tutti)

Non li hanno mica obbligati a fare l'insegnante. Potevano studiare altro. Hanno messo più cose sui piatti della bilancia e hanno scelto quello pur conoscendo lo stipendio. Oltretutto, se abito a Seregno (MB) e mi assegnano il posto a Milano sud, probabilmente devo cambiare casa comunque pur distando circa 30km dal luogo di lavoro. A queste persone lombarde 1400€ bastano e avanzano? Va bene che non devono prendere l'aereo 2-3 volte l'anno ma gli amici e il quartiere lo salutano lo stesso. 

Stella sul corriere riporta 14000 insegnanti in esubero al sud e 16000 mancanti al nord. Con questi numeri c'è poco da fare. O qualcuno si sposta o cambia lavoro.