Titolo

Lettera aperta di solidarietà ai deportati della Cattiva Scuola

1 commento (espandi tutti)

Ma forse ora ricordo poco di inferenza statistica, è passato del tempo. Mi aiuti Lei.
Vogliamo misurare la bravura dei professori di Italiano di una scuola secondaria. 
E' l'istituto tecnico per periti industriali di Arezzo "ITIS Galileo Galilei", indirizzo elettrotecnico.
La caratteristica da misurare è quindi la "Bravura Letteraria": sia BL.
Ci serve una unità di misura. Sia questo il "Grado BL". 
Diamogli un fondo scala: sia 16 milioni.
Domanda: perché 16 milioni? Risposta: perché no? Il solito 0-100 era monotono, ho preso spunto dalla scala Scoville dei peperoncini. A 16 million GBL abbiamo il distillato letterario, la capsicina, il letterato puro. Victor Hugo sta sui 10 million GBL, Leo Tostoj a 12 million, Susanna Tamaro a 300.000, come l'Habanero. 
Assumiamo di avere un test a risposte multiple che (in 60 minuti) consenta di misurare il GBL di uno studente, con margine di errore 5%.
Ipotesi "fortina" ma accettiamola, sulla significatività dei test invalsi si è discusso anche troppo.
Dobbiamo vedere se il DGBL, cioè l'incremento del grado di bravura letteraria, ottenuto dagli studenti del professor X in un anno scolastico, è <> del DGBL medio della popolazione.
Il nostro "ambito socio-economico", cioè il nostro Universo, è la Toscana centrale, anzi restringiamo alla provincia di Arezzo. La popolazione P è quindi composta dalla totalità di studenti di scuola secondaria della provincia di Arezzo. O dalla totalità di studenti di istituti tecnici della provincia di Arezzo, boh. Assumiamo comunque che il campione non sia viziato, cioè che l'insieme di studenti del professor X sia random in P, come se fosse stato estratto con un campionamento casuale. A lei stimare l'omogeneità della provincia di Arezzo, ossia la varianza della distribuzione del parametro Bravura Letteraria BL in questa popolazione. La provincia di Arezzo conta 350.000 persone, non so se può servire.
Vogliamo un livello di confidenza del 95% e un errore campionario <5%.
Qual è la numerosità del campione?