Titolo

Lettera aperta di solidarietà ai deportati della Cattiva Scuola

1 commento (espandi tutti)

Lavorare per qualcuno che non può fallire è un privilegio. 

Lavorare senza la possibilità di essere licenziato è un secondo privilegio

Lavorare senza alcuna misura della propria performace è un terzo privilegio.

Chi lavora nel privato (e son quelli che con le loro tasse pagano gli stipendi dei privilegiati) questi privilegi non ce li ha. Cos'è che è così complicato da capire???