Titolo

Il Liberalismo non ha vinto, il Socialismo ha perso. O no?

6 commenti (espandi tutti)

"Il macellaio venderà la carne con la miglior combinazione di qualità e prezzo per attirare clientela, ma, così facendo, obbligherà gli altri macellai, che non vogliono perdere la propria clientela, a vendere la carne con la migliore combinazione di qualità e prezzo. I comportamenti dei macellai singolarmente presi sono egoistici, ma l’insieme di questi comportamenti alza il benessere dei consumatori."

Mi riprometto di leggere l'articolo più volte perchè denso di significati ma questa storiella, semplicemente, è una favola per bambini.
Il macellaio vende carne al PREZZO più alto possibile perchè questo è il suo unico interesse, il vincolo è che l'acquirente sia in grado di pagare.
La concorrenza si baserà sul prezzo perchè la qualità (qualsiasi cosa significhi) è una valutazione strettamente personale, non misurabile, infilatasi nella Storia per renderla edificante.
100000 macellai, perseguendo il loro esclusivo interesse, venderanno carne gonfiata di ormoni, daranno carne da mangiare agli erbivori and so on.
100000 costruttori di automobili perseguono il loro esclusivo interesse usando una tecnologia vecchia di cento anni, inquinante ed inefficiente.
100000 rivenditori di acqua glorificano la presenza di qualche milligrammo di sodio in più o in meno, il loro esclusivo interesse è dare un prezzo a qualcosa che non ha valore.
100000 produttori di software lavorano su macchine milioni di volte più potenti che sono due volte più volte più lente nel fare le stesse cose di vent'anni fa.
100000 produttori di caffè cercano disperatamente di sostituire la caffettiera (una semplicissima caldaia) con macchine elettroniche complesse e costose per vendere la stessa merce ad un prezzo più alto.
Questo libero mercato non ha mai mantenuto una sola promessa se non per "unintended consequence" eppure tutti gli vogliono un gran bene.
E' un mistero.
Saluti

P.S.
Gli esseri umani vivono più a lungo per i progessi della medicina, non grazie ad un sistema sociale piuttosto che l'altro.
Prima della penicillina gli aristocratici crepavano come tutti gli altri, pur potendo pagare un medico.

anvedi

dragonfly 6/11/2016 - 17:00

Gli esseri umani vivono più a lungo per i progessi della medicina, non grazie ad un sistema sociale piuttosto che l'altro.

questa me la segno perchè molto utile nelle discussioni su come va il mondo.

normalmente quando l'argomento del contendere sono i progressi della medicina, gli apocalittici che vogliono privare gli influenzati del piacere dell'aspirina dicono (anzi recitano con tono grave) esattamente l'opposto: " oggi si vive in salute per le migliorate condizioni igienico sanitarie prodotte dal benenessere, non certo per merito dei veleni di big-pharma!"

con uso di queste due sole affermazioni, badando a non  usarle ccontemporaneamente, il gentiluomo moderno può passare per uno che la sa lunga in qualunque capannello sul crescentone di piazza maggiore. al bar otello no, lì gli argomenti sono tecnici e l'ignoranza non è ammessa.

meriterebbe un like per il fine umorismo che lo caratterizza.

Costui

michele boldrin 7/11/2016 - 06:46

e' oramai un'istituzione irrinunciabile.

Celato dietro al suo patetico anonimato ci conferma ogni volta il perche' del medesimo: la vergogna che mamma proverebbe ad aver partorito e cresciuto un idiota di tal fatta.

Prof, qui in corridoio, Le chiedo se avete pensato ad un post sulla stagione obamiana, dall'economia (manco a dirlo) alla politica internazionale. . .

E i progressi della medicina ovviamente vivono nell'iperuranio, e nulla hanno a che vedere con il contesto socio-economico in cui avvengono. Per capirci, se Pasteur fosse vissuto nel 1600 avrebbe scoperto tale e quale la pastorizzazione. Ok.