Titolo

Dialogo sui minimi sistemi

1 commento (espandi tutti)

Tutto giusto, sposo al 100% il pensiero di Bottacin, avendo seguito un percorso molto simile iniziato nel 2012.

Aggiungo un'altra problematica che forse non e' stata sottolineata e che secondo me costituisce un'altro dei fattori scatenanti del populismo e dello stupidismo attuale.

In un mondo che cambia alla velocita' del nostro, e' necessario ricostruire continuamente le proprie categorie di pensiero, i filtri con cui analizziamo al volo il mondo e categorizziamo i fenomeni.

Ora questo processo e' faticoso e la stragrandissima maggioranza delle persone, semplicemente NON LO FA e si irrigidisce nel classificare i fenomeni con le categorie apprese quando era adolescente(al piu ventenne).

Questo non porta solo un rifiuto costante del cambiamento e della novita', porta soprattutto ad un'interpretazione sbagliata delle cause e degli effetti e quindi non solo immobilismo ma decisioni effettivamente sbagliate.

Questo fenomeno, iniziato nel 900, oramai ha assunto proporzioni incalcolabili.