Titolo

Potremmo arricchirci con il turismo

1 commento (espandi tutti)

Caro Boldrin,
ti stimo e ti seguo molto, ma non condivido la tua posizione sul turismo. Credo che tu conosca poco la sua evoluzione...
Il turismo è ormai un mondo estremamente complesso, arricchitosi di professionalità non banali nel settore del management, del marketing, che sappia ragionare in termini di sostenibilità, personalizzazione del servizio, ecc. Tutto questo crea salari che non sono affatto da fame: è vero, gli addetti alle pulizie o i camerieri di bassa specializzazione continuano a percepire i minimi salariali, ma anche i loro colleghi non specializzati di Apple, Amazon o Google ricevono stipendi analoghi (se non inferiori...). In Costiera Amalfitana gli introiti sono bassi; e nel resto dell'area napoletana dove non c'è il turismo? Vogliamo fare i confronti? E con un po' di sforzo, cosa sarebbe la Costa Smeralda se non vi avesse investito l'Aga Khan negli anni '60?
Un turismo gestito in maniera moderna dovrebbe porre alla base della sua programmazione un numero massimo di persone accettabili per località quali Venezia o Capri, ma un po' ovunque. Il vero pericolo è il turismo di iper-massa, delle vacanze low-cost, ecc. Per essere remunerative queste iniziative devono rivolgersi a grandissimi numeri spesso non compatibili con le nostre località.
Insomma, il turismo VA governato, scienza che in questo momento NESSUNO pratica (in Italia). Per farlo occorrono professionalità di alto livello, che sono assolutamente ai margini degli organi che dovrebbero sovrintenderlo. E il fatto che tali organi siano regionali a mio giudizio non ci aiuta.
Infine un ultima considerazione. E' vero che Briatore ha un modo di fare "sborone" che non fa simpatia, e che secondo me attrae una nicchia molto piccola del turismo, quello di coloro che vogliono dimostrare che sono ricchi. Ma il turismo di lusso è tutt'altro, e la tradizione del Danieli o del Gritti della tua Venezia dovrebbero suggerirtelo: è eleganza, personalizzazione, unicità, non necessariamente champagne rosé spruzzato per gioco... Un locale di lusso (inteso come dico io) occupa anche il doppio del personale di un locale corrispondente ma "normale".
Sono già stato troppo lungo, ma credo che tu debba esplorare meglio il mondo del turismo che a mio giudizio è molto diverso da quello che dipingi tu. Con stima.