Titolo

La situazione patrimoniale delle 10 maggiori banche popolari italiane alla fine del 2014.

2 commenti (espandi tutti)

riguarda le popolari oggetto del coraggioso decreto di trasformazione in spa del gennaio del 2015. successivamente a tale decreto è andata in porto la fusione fra bpm e banco popolare, come risposta alla necessità di rafforzamento patrimoniale di entrambe le banche. sarebbe interessante stimare quale sia il free capital risultante dalla fusione, se cioè questo è diventato accettabile combinando rischi ponderati decorrelati. si capirebbe se questa è una via percorribile anche in altri casi.

sì,

Paolo Biffis 10/4/2017 - 08:25

dobbiamo attendere la prossima edizione dello studio, anche se, a prima vista, entrambe le pop presentavano dei deficiti negli ultimi 5 anni per non parlare del Banco che mi appare in deficit strutturale (10 anni).

Non sono sicuro che mettendo assieme due deficit di FC (dei quali uno strutturale), si giunga ad azzerarne la dimensione; o, meglio, presumo che ci vorranno una decina d'anni di durissimo lavoro selettivo sul piano del credito. Ma sarà difficile perché mi sembra che siano i corpaccioni di queste aziende ad essere malati profondamente.