Titolo

Il grafico della settimana, 05-04-2017

3 commenti (espandi tutti)

Per quanto riguarda il tuo riferimento a

e ne fan prova i corsi della rendita

 ti riferisci probabilmente ai rendimenti più alti del debito del Regno delle Due Sicilie, indicatore quindi non di solidità finanziaria, ma di maggior rischio e che oggi chiameremmo spread.

E' vero che il debito pubblico procapite piemontese era più alto di quello del Regno delle Due Sicile, e ciò a causa dello sfozo bellico e risorgimentale. Devi sapere che cannoni reggi giberne costano. Ma devi anche tenere conto che gli altri stati annessi avevano un debito procapite molto più basso di quello del R2S.

Se confronti il debito procapite duosicilano con il resto d’Italia, ti accorgi che sono gli altri stati preunitari diversi dal R2S a doversi lamentare. Infatti, il R2S ha portato un debito procapite superiore a tutti gli altri stati preunitari tranne il Regno di Sardegna. I dati sono sono ampiamente disponibili, ma puoi trovarli anche su wikipedia, ancorché fonte non sempre affidabile. Una descrizione sulla situazione della finanza pubblica degli stati preunitari la si trova qui

Combinando queste informazioni si ha una tabella facile da interpretare:

 

Debito pubblico

Popolazione

Debito procapite

 

lire

 

lire

Stati sardi

1.292.000.000

4.500.000

287,1

Lombardia

152.000.000

2.800.000

54,3

Parma

12.000.000

500.000

24,0

Modena

18.000.000

600.000

30,0

Romagna

19.000.000

1.050.000

18,1

Marche e Umbria

12.000.000

1.400.000

8,6

Toscana

139.000.000

1.800.000

77,2

Napoli e Sicilia

731.000.000

9.300.000

78,6

Totale

2.375.000.000

21.950.000

108,2

       
       

e son certo che gli altri lettori pure lo apprezzeranno.

Ma non sperare che questo faccia alcuna differenza con il troll. Come abbiamo appreso in questi 11 anni (e decine di poveretti del genere) dopo un po' di tempo con questi c'e' un'unica soluzione: mandarli via. Non c'e' alternativa all'autodifesa. 

I know, ma l'obiettivo non è far cambiare loro idea ora e subito.