Titolo

Il grafico della settimana, 05-04-2017

2 commenti (espandi tutti)

in economia..

Nasissimo 14/4/2017 - 17:19

forse. Nel linguaggio comune invece, più in generale, si fa un "investimento" quando si spendono risorse sperando di ottenere un successivo beneficio: quando fa un regalo a una bella signorina e poi la invita a cena, lei fa un "investimento", che può dare lo sperato beneficio oppure no. Questo investimento qua non c'entra nulla con il processo produttivo e nemmanco col profitto, ma la soddisfazione personale.. quella può incrementarla eccome.

Similemente, quando si inviano 18000 uomini in Crimea a morire di pallottole e di colera sperando di ottenere in cambio un beneficio in termini di integrità territoriale, si fa un investimento che mal si misura nei temini del processo produttivo e del profitto. E' un investimento di tipo diverso ma è un investimento comunque, che anzi si misura con parametri ben più significativi dell'investimento dell'economia.

L'analisi politica sulla motivazione della guerra di Cimea quindi è decisiva, sotto ogni aspetto, incluso quello economico che arriva per ultimo. 
Il fatto che l'investimento fatto "negli" stati sardi (dagli stati sardi, in Crimea) sia stato sostenuto poi da tutta Italia (perché il debito è stato ripartito con l'unità) si giustifica perché il beneficio finale ottenuto per mezzo di quell'investimento consisteva nel raggiungimento dell'unità d'Italia, di cui tutta l'Italia si era giovata.

Questo ovviamente se si ritiene che l'unità d'Italia fosse un obiettivo desiderabile, e quindi il suo raggiungimento foriero di "soddisfazione".

finalmente hegel

bonghi 14/4/2017 - 21:16

dopo tesi ed antitesi pare sia finalmente arrivato il momento della sintesi

il mio era un tentativo di trovare una giustificazione teorica ad una situazione ( che e' stata ) reale

ovviamente nel tentativo tralasciavo tutte le altre considerazioni , tra cui quelle politiche e chissa' forse etiche ceh lei ben descrive 

possiamo dire , in accordo con l'autore dello studio, che i benefici dell'investimento fatto "al nord" hanno investito anche "il sud" e quindi azzardarci ad affermare che l'unificazione fu "soddisfacente" , purtroppo esperimenti per sostenere o negare questa tesi non se ne possono fare e quindi il giudizio complessivo e' comunque personale