Titolo

Perché credo che votare il meno peggio favorisca, nel 2018, il declino.

2 commenti (espandi tutti)

Ecco, magari ci sbagliamo noi ma se non ci sbagliamo ritengo che l'Italia affonderà abbastanza rapidamente. Il Venezuela in fondo ha avuto il petrolio che ha alimentato dal 1999 il chavismo. Noi non lo abbiamo.  Non abbiamo materie prime e sappiamo come va a finire con l'autarchia.

Però siamo nella UE, per ora, e nell'Euro. Il che è un importante sostegno economico e politico.

Si aprono due scenari. Se rimaniamo nell'Europa ci saranno pressioni (come nel 2011) ed aiuti per non farci crollare? O ci lasceranno andare? 
Chiaro invece cosa accadrà se usciremo dall'Euro e dalla UE.

Non sarà un'uscita rapida, ritengo, e la vedo dura lungo tutti i confini, negli aereoporti, nelle stazioni. 

Anch'io sospetto che esistano delle soglie minime di complessità, interazioni, disponibilità di competenze, infrastrutture, ecc. sotto le quali un'economia industriale non possa che collassare rapidamente. Credo invece che un'economia pasata sull'estrazione di risorse naturali possa funzionare anche in un ambiente molto semplice.
Ho anche la sensazione che l'ambiente italiano sia ormai molto degradato e piuttosto vicino a quella soglia e che potrebbe bastare poco a provocarne il collasso.