Titolo

Perché credo che votare il meno peggio favorisca, nel 2018, il declino.

3 commenti (espandi tutti)

prego

dragonfly 12/2/2018 - 11:03

Per tutte queste ragioni penso che la decisione di non votare o di votare il meno peggio (ognuno scelga il proprio meno peggio) sia tutto sommato una scommessa alla cieca.

la bottom line  però non l'ho capita: michele boldrin suggerisce proprio di votare il peggiore e  tutto il tuo intervento pare condividere le sue premesse ma non la sua conclusione. allora, cosa mi consigli? votare il peggio o il meno peggio?

(il pippone è ben scritto, magari potevi dividerlo in paragrafi)

Credo che Boldrin suggerisse di non votare il meno peggio, che non vuol dire votare il peggiore, ma semplicemente di non votare. Ovviamente lui potrà, se avrà tempo e voglia, chiarire il punto. Io consigli non ne do perché come avevo premesso il mio era un intervento “distruttivo” e non propositivo. Tuttavia sono convinto che cercare di prevedere gli effetti di un non voto sia (o di un voto al peggiore) sia al di fuori delle possibilità di una persona. Anche se intelligente come Boldrin. Specie se al non voto si collegano una serie di vicessitudini così complesse e diluite nel tempo (brutta prova del nuovo governo ma senza provocare disastri, risveglio progressivo di idee più sensate e abbandono di quelle meno sensate, nuova presa di coscienza nazionale, ecc. ecc.). 

sfumatura alta

dragonfly 14/2/2018 - 11:31

concordo sulla difficoltà di qualunque previsione. è un buon motivo per farsi guidare allora dalle idiosincrasie, però dalle proprie, non da quelle di michele boldrin.