Titolo

Perché credo che votare il meno peggio favorisca, nel 2018, il declino.

2 commenti (espandi tutti)

Vede, il fatto è che anche quella cultura così autoassolutoria, sottilmente nazionalista e incline al sospetto e alla dietrologia descritta da Boldrin è tutt'altro che un'esclusiva nazionale. Se poi a questo si aggiunge la situazione di un gran numero di paesi in parti del mondo diverse dalla nostra, che nella propria storia recente hanno conosciuto istituzioni e modelli culturali creatori di ricchezza solo ed esclusivamente sotto forma di imposizione coloniale, non sorprende affatto che declino e mancato sviluppo economico siano condizioni diffuse nel mondo.

Devo però aggiungere, rispetto all'articolo di Boldrin, che la recente attualità in paesi come il Portogallo e, sia pure in misura minore, la Spagna (le P e S della vecchia sigla PIGS) sembra lasciare intravedere un quadro più ottimistico di quello da lui prospettato. Anche la cultura generale di un paese può migliorare in tempi nel complesso brevi, soprattutto con le possibilità che oggi vengono date dai nuovi media.  (A ben guardare gli esempi recenti in giro per il mondo non mancano, ma non li cito per evitare controversie, da una parte o dall'altra.)  C'è da sperare che l'idea di chiudere il blog non si traduca in un minore sostegno all'informare adeguatamente e sensibilizzare l'italiano medio su questi temi, attività in cui questo blog si è nel complesso distinto brillantemente e ben più di siti "concorrenti" anche più blasonati.

Sia le valutazioni sul fatto che il declino, di per se, non sia totalmente ineluttabile come gli esempi che menziona (anche se andrei cauto sia con Spagna che con Portogallo, molti sintomi negativi ci sono anche in quei paesi) sia sul fatto che chiudere il blog (come intendiamo fare da tempo, anche se come vede rimandiamo ...) non si traduca il quel che dice. 

Su quest'ultima cosa vedremo, qui il privato di noi redattori ed il pubblico si confondono ed entrano in conflitto. 

Sulla Spagna, mi vorrà perdonare l'autocelebrazione, ma non resisto alla tentazione di rimandare a questi tre miei vecchi articoli: 2008, 2010 e 2016