Titolo

Prima gli italiani - Del mio razzismo.

6 commenti (espandi tutti)

ovvieta' :

pippo 26/9/2018 - 16:28

contano piu' i soldi di dio ; spero mi venga perdonato il fatto di non trovare nessuna fonte ... ma ricordo di aver sentito che l'inghiliterra ha leggi speciali per concedere visti ( o forse cittadinanza ) a chi possiede grandi patrimoni . Ugualmente credo sino bene accetti i ricchi arabi nella citta' di milano ( La calata degli arabi: così gli emiri mettono le mani sull'Italia ) . In sinstesi ritengo che a fare da determinante nella questione dell'intolleranza sia la ragione economica piu' di quelle etniche ereligiose e culturali

In gold we trust

amadeus 26/9/2018 - 16:56

Nulla di nuovo (sotto il sole). Così come gli arabi e i musulmani nei secoli non si sono mai fatti scrupoli di accettare monete d'oro con l'effige del papa, così oggi i peggiori terroristi islamici utilizzano senza batter ciglio i biglietti verdi con la scritta 'IN GOD WE TRUST'.

Se i *ricchi* di etnia diversa si trovano a essere presenti in modo significativo nella vita economica di una nazione mi sembra che fenomeni di razzismo o intolleranza possano manifestarsi e si siano manifestati. Mi vengono in mente i "ricchi ebrei che succhiano il sangue del popolo tedesco..." (non devo spiegare a cosa mi riferisco) ma anche in realtà extraeuropee cose simili si sono verificate. Se sei ricco ti comperi un passaporto e formalmente ti piazzi dove vuoi ma quanto a essere al riparo da pregiudizi e razzismo non direi. I pogrom colpiscono anche i ricchi, a volte.

Maurizio

dubbio o conferma?

pippo 26/9/2018 - 20:06

direi che il tuo intervento , piu' che una smentita sia un conferma : 

la motivazione dell'avversita' tedesca verso gli ebrei fu , come sottolinei ( "ricchi ebrei che succhiano il sangue del popolo tedesco..." ) , sostanzialmente economica ; gli ebrei tedeschi infatti , prima ( o dopo a seconda dei punti di vista ) di essere ebrei erano tedeschi ,  nonostante cio' vennero perseguitati

Magari avevo capito male, ma tu hai parlato di ricchi arabi ben accetti a Milano e di Londra che ha leggi per concedere visti a chi ha grandi patrimoni. Come dire: il razzismo e l'intolleranza colpiscono solo i poveri, i ricchi son ben accetti anche se di etnia diversa (ho capito male?). Gli ebrei in Germania erano tedeschi ma certamente percepiti come "diversi" e di "etnia diversa" e l'odio aizzato o sfruttato da Hitler ha certamente colpito anche gli ebrei ricchi. In certi paesi africani c'è odio per le minoranze indiane benché ricche, relativamente. Voglio dire, si odiano quelli di etnia diversa a volte perché sono pezzenti e ci creano problemi, ma storicamente si sono odiati anche quelli benestanti.

effettivamente ...

pippo 28/9/2018 - 13:19

mi sono spiegato male .... cio' che volevo dire , in sintesi , e' che riusciamo a regolare i naturali istinti xenofobi e di ospitalita' a seconda della percezione che abbiamo del diverso ... con un esempio ( stupido ) : se invece che con i barconi gli immigrati arrivassero con delle navi da crociera ; se invece che bighellonare in giro facessero acquisti nei nostri negozi , il fenomeno dell'intolleranza sarebbe assolutamente sopito