Titolo

Propaganda pentastellata: come ti asfalto un video sovranista sul debito

2 commenti (espandi tutti)

Innanzitutto sull'autore (nell'era di internet le ricerche spesso sono facili) che si presenta così:

Ho 58 anni (nel 2013). Una laurea in giurisprudenza e 25 anni trascorsi in BNL, nel settore finanziario, crescendo professionalmente dai desk di trading fino a diventare Responsabile della struttura centrale dei Mercati Finanziari. 

https://tallonedachille.blogspot.com/2013/01/perche-questo-blog.html

Ho guardato il video quasi per intero. Dice un sacco di stupidaggini in modo tranquillo e pacato, come se fossero verità autoevidenti. Secondo me ci crede pure (in quel che dice) e, di conseguenza, riesce ad essere più convincente. Non è per nulla strano che riesca a far presa su molta gente a digiuno delle nozioni elementari di economia dei mercati finanziari. Il più delle volte parla il linguaggio della gente comune e si fa comprendere ovvero riesce a comunicare il proprio messaggio, per quanto sia errato e fuorviante.

Di certo la presenza di Micalizzi al suo fianco è piuttosto inquietante...

Alcune chicche: i risparmiatori vogliono i CCT perchè così non corrono rischi sul prezzo: in fatti l'ultima emissione di CCT ieri quotava 86/100; oppure ancora quando dice che il risparmiatore si accontenterebbe di un CCT che renda l'1.5% (ma non erano titoli a tasso variabile ?). Sulle aste: i rendimenti medi delle aste del Tesoro sono tutti sul sito della Banca d'Italia: si possono confrontare con i rendimenti correnti sul mercato secondario negli stessi giorni per vedere se ci sono scostamenti di rendimento significativi a svantaggio del Tesoro (ovviamente non ci sono). Potrebbero essercene in futuro se il mercato diventasse illiquido. Questa delle aste marginali ultimamente è una fissazione dei c.d. 'sovranisti'.

In effetti quando il nostro 'eroe' ha cominciato ad occuparsi di titoli si stato i BTP praticamente non esistevano e la maggior parte del debito (che in rapporto al PIL era la metà di oggi a inizio anni'80) era in BOT e successivamente in CCT.  Evidentemente, viste le performance dell'inflazione di quegli anni nessuna persona sana di mente era inizialmente disposta a comprarsi un titolo a tasso fisso pluriennale.

Comunque la considerazione generale che si dovrebbe fare con questo tizio è che allargare il mercato agli investitori esteri vuol dire aumentare la domanda potenziale di titoli. Se aumenta la domanda i prezzi salgono (questo lo capiscono tutti) e i rendimenti scendono ( questo lo capiscono meno). Così lo Stato spenderà di meno.

Tuttavia non possiamo più dire:

Se alzi i tassi a sufficienza, troverai qualcuno che prende la ricchezza oggi investita altrove, la liquida e compra titoli dello stato italiano

perchè ormai, dato lo stock di debito/PIL, gli investitori sanno che lo Stato non può pagare qualsiasi livello di tasso di interesse, perchè non reggerebbe. Tassi in ulteriore crescita rispetto ad oggi prima o poi faranno scendere la domanda perchè il rischio di default/ristrutturazione diventa troppo alto.

sulla parola

dragonfly 9/10/2018 - 14:53

Alcune chicche: i risparmiatori vogliono i CCT perchè così non corrono rischi sul prezzo: in fatti l'ultima emissione di CCT ieri quotava 86/100; oppure ancora quando dice che il risparmiatore si accontenterebbe di un CCT che renda l'1.5% (ma non erano titoli a tasso variabile ?). Sulle aste: i rendimenti medi delle aste del Tesoro sono tutti sul sito della Banca d'Italia: si possono confrontare con i rendimenti correnti sul mercato secondario negli stessi giorni per vedere se ci sono scostamenti di rendimento significativi a svantaggio del Tesoro (ovviamente non ci sono). Potrebbero essercene in futuro se il mercato diventasse illiquido. Questa delle aste marginali ultimamente è una fissazione dei c.d. 'sovranisti'.

volevo affrettarmi a rimarcare le stesse cose, prima che lo facesse amadeus meglio.

vabbè, adesso che fare? avevo incrociato questo video parecchie volte, mentre "cercavo di cercare" traccia della pattuglia di NFA nei social media (impresa disperata se non ci si vuole registrare da nessuna parte, cioè se non si è social) e ne ero rimasto ... a mente un po' più fredda direi che non ci si deve spaventare dalla moltitudine di argomenti incorenti e sempre mutevoli, impossibili da stroncare per pura mancanza di tempo come ci ricorda la teoria della montagna di merda. la matrice è unica, ed è il complotto sempre sotteso anche  quando non dichiarato; lo sprovveduto di mezzi  logici prima ancora che di nozioni, troverà sempre consolazione nel fatto che ci sia qualcuno che tutto controlla, anche se gli fa danno.

meglio allora concentrarsi su un argomento unico che li smentisce tutti, perchè sono tutti costruiti allo stesso modo et simul stabunt, simul cadent.  visto che per salvini lo spread sale per colpa degli speculatori che ci vogliono male, occorre evidenziare che gli speculatori guadagneranno un mucchio di soldi se l'Italia persevera con salvini, e che gli stessi ne hanno invece persi molti col governo monti e la riforma fornero. da ripetere un milione di volte, anche a chi ci chiede che ore sono.