Titolo

Grandi Statisti (III)

2 commenti (espandi tutti)

Grandi Statisti (III)

31/10/2008 - 14:40

Believe it or not, mi interessa poco avere ragione. Mi interessa di più che un Tribunale della Repubblica stabilisca che la "Mafia" sia una specie di circolo di lettura di cui posso approfittare per leggere i libri che mi interessano fino, diciamo, al 1980, salvo poi ringraziare, salutare tutti ed andarmene per la mia strada. Magari sono io che sono rimasto traumatizzato dalla morte del Commissario Cattani, ma me la immaginavo un po' diversa, per quello domandavo lumi ai giuristi che leggono nFa su quali siano le evidenze processuali che hanno portato a riconoscere l'affiliazione di Belzebù a Cosa Nostra.

Se poi vuoi la mia opinione da due centesimi, i danni fatti dal CAF&co. tra anni '70 e '80 sono tali e tanti che l'essere mafiosi o meno diventa un particolare. Possibile che non esista il concetto di responsabilità oggettiva nella pubblica amministrazione?

edit: rispondevo a Michele, ho sbagliato location.

Mi interessa di più che un Tribunale della Repubblica stabilisca che la "Mafia" sia una specie di circolo di lettura di cui posso approfittare per leggere i libri che mi interessano fino, diciamo, al 1980, salvo poi ringraziare, salutare tutti ed andarmene per la mia strada.

Tecnicamente non è il tribunale che stabilisce nulla, visto che i tempi della prescrizione li stabilisce il parlamento, che come noto, in Italia preferisce accorciare i tempi della prescrizione per salvaresi la gobba.

Poi ovviamente Andreotti poteva rinunciare alla prescrizione, ma si sa lui non vi ha rinunciato. E questo è doppiamente grave. E' grave perchè lui è un uomo pubblico, e dunque avrebbe dovuto dannarsi l'anima per mostrare la sua illibata innocenza. Ma è grave sopratutto in ragione della sua tanto millantata fede cattolica e del suo essere un assiduo praticante della messa mattutina. Lui viene da cultura che proclama "La verità vi farà liberi" e si nasconde dietro la lettera della legge sulla prescrizione, mortificandone lo spirito.

E poi quando qualcuno chiede conto ad Andreotti delle cose accertate  processualmente, ecco che pur di liberare Barabba i nostri Ponzio Pilato andreottiani chiedono:"Quid est veritas?".

Una cosa interessante su Andreotti era un sunto della sentenza di un po di tempo fa.

 

PS: Io non lo so cos'è che sta succedendo...sarà la sera di Halloween, ma è tutto uno scoperchiarsi di bare e zombie che tornano nel mondo dei vivi: prima Cossiga, adesso Craxi e adesso ancora lui...sembra la sceneggiatura di un film di Romero.