Titolo

Un bonus a te, un bonus a me.

6 commenti (espandi tutti)

In teoria il motivo teorico c'e' poi bisogna vedere se empiricamente l'entita' del sussidio lo giustifica. Si chiama network externalities, ... nota che il computer deve essere "predisposto per il collegamento ad internet" - scusate non ho il tempo per spiegare ai non economisti prometto di farlo piu' tardi dopo che abbiamo "ringraziato"

"Network externalities" .... ho sentito dire "network externalities"? Qualcuno sente, come me, l'odore di network externalities?

Wilma, dammi l'AK47 e facciamo la scorta di munizioni, oggi si va a caccia ... dell'araba fenice (che ci sia ognun lo dice, dove sia nessun lo sa ...)

Ora sono in due che devono dare spiegazioni. Il primo ha solo detto che e' un'ottima idea, perche'? Il secondo perche' ci sarebbero le NE ... va benissimo, attendo la prova della loro esistenza.

Dove diavolo e' la network EXTERNALITY dall'acquisto del PC collegato ad internet, dov'e? Che i ragazzini si parlano via chat room e vengono adescati da qualche pervertito? Si, lo so, e' un colpo basso questo, ma rende l'idea del tipo di "externalities" che io vedo ... se ce ne sono di migliori, che vengano indicate con nome, cognome ed indirizzo.

Cose del tipo: perche' con un numero maggiore di partecipanti alla rete ci sono maggior contatti, si diffonde la conoscenza, son aria fresca e non esternalita'. Davvero sono aria fresca, perche' implicano che (sia ora che ancor piu' quando la web non c'era) avremmo dovuto sussidiare scarpe (e calzini), biciclette, bars del centro, e via elencando amenita', perche' cosi' i sedicenni avrebbero socializzato di piu', andando di piu' nei luoghi deputati al commercio ed allo scambio d'informazioni, sarebbe cresciuta la loro interazione che amplia la conoscenza reciproca e del mondo ... ed altre amenita' socialmente (o anche solo privatamente!) desiderabili. Perche' non sussidiare anche i coni gelato, ora che ci penso? I sedicenni vanno spesso assieme a mangiare il gelato, o la pizza se e' per quello ... oh che bello, non avevo capito che tutti i beni di consumo, durevoli o meno, generano esternalita' purche' siano consumati da sedicenni!

Ritornando alle cose misurabili, mi si permetta evidenziare anche un'ulteriore ironia: un certo numero di sedicenni riceve semplicemente quel che rimane delle tasse extra che i loro genitori han pagato, dopo che Roma ha fatto il prelievo per conto di parassiti e funzionari vari. Altri sedicenni, figli d'evasori fiscali, ricevono un bel regalo fatto dal vicino ingegnere, giornalista, o anche solo quadro di fabbrica! Ah, che bella la redistribuzione a favore dei poveri evasori! E per favore, che nessuno tiri fuori dalla tasca il piagnucolio dei sedicenni "veramente poveri": devono essere una sparuta minoranza i sedicenni italiani che non possiedono un fighettissimo cellulare da almeno 200 Euro usato con dovizia 24 ore al giorno, senza ritegno alcuno per le esorbitanti tariffe!

Sono QUESTE le spese di cui TPS va tronfiamente dicendo che sono per lo sviluppo e che han richiesto un aumento della pressione fiscale? Sono proprio degli incompetenti dediti a far propaganda populista, questi tecnici di via XX Settembre. Ma perche' non si dimettono in massa? Davvero non potrebbero trovare un altro lavoro un po' piu' dignitoso, anche se non tanto comodo e ben pagato?

 

 

dai, giorgio ha detto solo che l'idea era "tra le meno peggio", non che era ottima. pero' andrea delle network externalities ha parlato davvero, ma intendeva solo "in teoria" non "in practica".

due cose fanno davvero paura: 1) mi pare che la logica del governo sia: sussidiamo i "consumi buoni" (PC, palestra,..); 2) non lo sanno fare, perche' sussidiano anche chi il PC ce l'ha (io scommetto che giacomino ce l'ha; anzi, lo so, perche' una volta mi ha mandato una e-mail).

il tutto in un contesto di tasse marginali oltre il 40%.

e' pazzesco, pazzesco. (sto scuotendo la testa)

Ehm la notizia deve aver fatto andare il tacchino di traverso a Michele :-) Io rispondevo solo alla sua domanda di natura teorica.

Come ho detto, non e' chiaro quanto empiricamente queste esternalita' giustifichino un sussidio di questa dimensione, ed i costi di elargirlo. Come ha spiegato Michele (quindi mi ritengo esentato dal farlo - casomai chiedete) le esternalita' di rete esistono, per esempio perche' intenet facilita la creazione, la diffusione e lo scambio di informazioni (esempio dato da Michele). Mi limito a dire che no, gli altri esempi sono sbagliati, le scarpe e le biciclette non sono la stessa cosa di internet, perche' non contengono ne' diffondono informazione. Magari facilitano la socializzazione, ma questa e' un'altra cosa.

Infine, il dubbio piu' importante che credo imperversi la mente di tutti i sedicenni: si puo' usare il sussidio per comprarsi la Playstation 3, visto che e' tutto sommato un computer, e certamente e' predisposta per il collegamento ad internet?

E prima che qualcuno finisca in pronto soccorso, segnalo questo paper , che sembra interessante. Non ho avuto tempo di leggere il paper, quindi non posso giudicarlo, ma ne riporto i risultati. Stima un modello dinamico di crescita di internet in presenza di esternalita' di rete di consumo e produzione. Usa dati da vari paesi, Italia inclusa. Ne conclude che esistono considerevoli esternalita', ma data la crescita della rete i loro effetti si sono sostanzialmente esauriti attorno entro l'anno 2000, anche per l'Italia.

Nel qual caso si tratterebbe davvero di spesa illuminata - e' di qualche giorno fa la notizia del NY times secondo la quale i videogiochi stimolano la mente dei ragazzini, fanno crescere l'IQ, eccetera... :-)))

ok smetto e vado a mangiare il tacchino anch'io prima che michele ritiri fuori il kalashnikov