Titolo

Un bonus a te, un bonus a me.

3 commenti (espandi tutti)

Ehm la notizia deve aver fatto andare il tacchino di traverso a Michele :-) Io rispondevo solo alla sua domanda di natura teorica.

Come ho detto, non e' chiaro quanto empiricamente queste esternalita' giustifichino un sussidio di questa dimensione, ed i costi di elargirlo. Come ha spiegato Michele (quindi mi ritengo esentato dal farlo - casomai chiedete) le esternalita' di rete esistono, per esempio perche' intenet facilita la creazione, la diffusione e lo scambio di informazioni (esempio dato da Michele). Mi limito a dire che no, gli altri esempi sono sbagliati, le scarpe e le biciclette non sono la stessa cosa di internet, perche' non contengono ne' diffondono informazione. Magari facilitano la socializzazione, ma questa e' un'altra cosa.

Infine, il dubbio piu' importante che credo imperversi la mente di tutti i sedicenni: si puo' usare il sussidio per comprarsi la Playstation 3, visto che e' tutto sommato un computer, e certamente e' predisposta per il collegamento ad internet?

E prima che qualcuno finisca in pronto soccorso, segnalo questo paper , che sembra interessante. Non ho avuto tempo di leggere il paper, quindi non posso giudicarlo, ma ne riporto i risultati. Stima un modello dinamico di crescita di internet in presenza di esternalita' di rete di consumo e produzione. Usa dati da vari paesi, Italia inclusa. Ne conclude che esistono considerevoli esternalita', ma data la crescita della rete i loro effetti si sono sostanzialmente esauriti attorno entro l'anno 2000, anche per l'Italia.

Nel qual caso si tratterebbe davvero di spesa illuminata - e' di qualche giorno fa la notizia del NY times secondo la quale i videogiochi stimolano la mente dei ragazzini, fanno crescere l'IQ, eccetera... :-)))

ok smetto e vado a mangiare il tacchino anch'io prima che michele ritiri fuori il kalashnikov