Titolo

Microfoundations XIII: Caruso ha ragione

2 commenti (espandi tutti)

Lorenzo, se segui l'argomento che fai, ti rendi conto del paradosso. A Sgarbi nessuno da credito alcuno? Allora perche' ha fatto da sottosegretario? Qualcosa ha gestito, no? Se nessuno gli da credito e lo vogliono solo perche' fa casino, potrebbero prendere uno qualsiasi a buon mercato e metterlo in TV a dire continuamente "Stronzo, finocchio, eccetera", no?

Il mercato non e' un'entita' metafisica, sono i milioni di persone che dicono "forte Sgarbi", e lo guardano e SENTONO cio' che dice e si divertono. Evidentemente qualcosa condividono ... perdippiu', Sgarbi e' solo un esempio, avrei potuto dire Baudo o Ferrara. Oppure non limitarmi alla TV e cercare nel quotidiano o in altre istituzioni.

Il "non prendere alcunche' sul serio" va preso sul serio.

Non so. Probabilmente hai ragione tu e concordo in toto su "il "non prendere alcunche' sul serio" va preso sul serio". Però ti invito a riflettere sul fatto che la classe politica non rapresenta più, e da molto, un elite in termini culturali. Anzi. E proprio la tv ha contribuito in questi ultimi anni a riportarne gli esponenti di maggiore spicco - gli altri neanche esistono - alla loro dimensione più propria, l'avanspettacolo (Darfur? quelle cose mangiate in fretta, do you remember?...etc)

La domanda allora è: possibile che panem et circenses bastino ancora ad assicurarsi il consenso? Diamo loro chiappe, urla e tanto calcio e nessuno ci romperà i coglioni?

Sembra assurdo ma è così. L'indignazione dei pochi purtroppo non basta più.